Pubblicato il 15/04/20

TEMPESTA COVID Aprilia Tuareg 660 è una delle moto più attese del momento, attorno a lei tanto mistero - alimentato anche dalla presentazione scenografica riservatale dalla Casa di Noale durante l’ultima edizione di EICMA – e poche certezze. La prima è il motore, il bicilindrico parallelo da 660 cc di derivazione RSV, la seconda è la data d’arrivo, prevista per il 2022. Proprio quest’ultima potrebbe vacillare a causa della “tempesta” Coronavirus, sarà in grado di orientarsi come i veri Tuareg la prossima novità di Aprilia?

IMMAGINAZIONE Sul suo aspetto tante speculazioni e poca sostanza, l’immagine di apertura di questo articolo è infatti solamente un render, ma alcune soluzioni paiono decisamente pertinenti. In linea con il canone stilistico attuale delle ultime Aprilia è il faro anteriore di derivazione RS 660, reso più Rally nell’aspetto grazie al plexiglass maggiorato… il resto della moto, invece è chiaramente preso in prestito da una Yamaha Ténéré 700; il designer non è riuscito a nascondere a sufficienza la base di partenza. Beccato!

LA MECCANICA Per quanto riguarda la meccanica la certezza è, come detto in precedenza, il motore da 660 cc e 100 CV che troverà posto anche sulla sportiva RS 660 e sulla naked Tuono 660. Rispetto alle due stradali, però, è probabile che la potenza massima venga sacrificata in favore della coppia tramite una rimappatura della centralina, ciò permetterebbe alla Tuareg di aver una migliore erogazione ai medi e bassi regimi di rotazione, migliorandone il comportamento in off-road. Quanto sarà fuoristradistica la nuova Tuareg è ancora un enigma: Aprilia potrebbe percorrere la strada intrapresa da Yamaha dando vita ad una moto marcatamente fuoristradistica con ruota anteriore da 21 pollici e sospensioni a lunga escursione, oppure sfruttare il know how della “cugina” Moto Guzzi V85TT e scegliere una filosofia più universale attraverso una ruota anteriore da 19 pollici e sospensioni meno estreme.

Aprilia Tuareg Wind

EICMA E 2021 Il coronavirus sta mettendo i bastoni tra le ruote a tutte le case motociclistiche che, tra fabbriche chiuse, collaudi sospesi e vendite pari allo zero, devo trovare un rimedio alla svelta. Nell’agenda di Aprilia la Tuareg sarebbe dovuta arrivare nei concessionari non prima del 2022, dopo le sorelle RS660 e Tuono 660, la situazione incerta potrebbe portare a due scenari: la conferma della programmazione (molto probabile), o l’anticipo del debutto al 2021 in concomitanza con quello della naked (più improbabile). A diradare la foschia sarà il tempo, nel mentre sogniamo con questo render e con la foto della vecchia Tuareg nella gallery!


TAGS: aprilia aprilia tuareg 660 aprilia tuareg 660 2021 aprilia 660