Autore:
Emanuele Colombo

LA VOLTA BUONA? Diciamocelo: già per il 2019 ci si aspettavano cambiamenti radicali dalla supersportiva dell'Ala Dorata. Ora un rendering della testata giapponese Young Machine rilancia l'ipotesi che l'arrivo di una nuova Honda CBR 1000 RR Fireblade 2020 sia imminente. Ma il rendering non giunge per caso: sono parecchi i rumors che circolano - suffragati da brevetti depositati da Honda - che potrebbero descrivere con buona approssimazione una vera superbike di prossima presentazione.

PRIMA TOKYO, POI EICMA Intanto parliamo di date: l'ipotesi più accreditata è che il lancio della nuova Fireblade 2020 avvenga al Salone di Tokio, il prossimo ottobre, per poi fare il suo ingresso trionfale in Europa a novembre, al Salone del Ciclo e Motociclo di Milano EICMA 2019. Manca poco dunque a una conferma o a una smentita ufficiale. Ma è quanto alla tecnica che le informazioni raccolte fanno immaginare una vera game-changer nel mondo delle maxi supersportive.

220 CV DAL VTEC Sarebbe stato lo stesso management HRC, secondo quanto riportato dalla tedesca Motorrad, a indicare che la prossima Fireblade dovrebbe avere il motore più potente tra tutte le attuali superbike. Si parlerebbe di circa 220 CV, erogati con il contributo di una nuova distribuzione VTEC appena brevettata, con fasatura e alzata delle valvole variabile: non lontana dal sistema BMW ShiftCam, ma in grado di offrire maggiore controllo in particolare sulle valvole di scarico.

Spaccato del nuovo Honda VTEC

AERODINAMICA ATTIVA Un altro recente brevetto depositato da Honda riguarda invece un sistema di regolazione della downforce attraverso quattro allette robotizzate sui fianchi anteriori delle carene: la cosiddetta aerodinamica attiva. Il sistema sarebbe ispirato alle ali adottate in MotoGP, ma sarebbe in grado di cambiare l'angolo di incidenza delle stesse secondo che sia utile maggior carico sull'avantreno o si preferisca ridurre la resistenza aerodinamica in cerca della massima velocità.

TELAIO MISTO Voci molto interessanti riguardano la ciclistica, che potrebbe avere una costruzione mista, con rinforzi in fibra di carbonio a irrigidire una struttura in alluminio. Il quadro, come si vede, è molto stuzzicante. Resta da chiarire se e quali di queste innovazioni verranno adottate sulla (per ora ipotetica) nuova Honda CBR 1000 RR Fireblade standard e quali saranno invece riservate alle versioni più spinte SP1 e SP2, ivi compresa la serie limitata realizzata per consentire l'omologazione della moto destinata a correre nel mondiale SBK. Si può proprio dire che sul tema la curiosità sia a mille... CBR 1000!


TAGS: honda eicma 2019 honda fireblade honda cbr 1000 rr fireblade