ITALIANS DO IT BETTER Quando si pensa all’America e alle moto, il pensiero corre immediatamente ai chopper che sfrecciano sulla Route 66, ma la vita di tutti i giorni è molto meno romantica ed epica dei road movie di Dennis Hopper, e contempla anche i più ordinari scooter. L’edizione online di Forbes ha pubblicato un articolo nel quale racconta quali sono i cinque scooter da guidare nel 2020. Curiosamente, ma neanche più di tanto, quattro su cinque sono italiani.

PIAGGIO IN VANTAGGIO Tre di questi sono prodotti dal Gruppo Piaggio, e precisamente: il Piaggio Beverly 350 Tourer e ben due versioni di Vespa, la Primavera 50 e la Elettrica. Segno che, in fin dei conti, il fascino unico del “vespino” è davvero intramontabile.

Piaggio Beverly

BEVERLY HILLS Il Beverly 350 Tourer viene elogiato per lo spazioso sottosella, lo spigliato motore da 30 CV, ABS e controllo di trazione di serie, e una serie di extra molto pratici come la possibilità di sbloccare il sellino con il telecomando. Più di tutto, a colpire l’attenzione di Forbes è la connettività garantita dalla app MIA, che permette di collegare il telefono, e tenere d’occhio diversi parametri relativi ai percorsi compiuti e allo stato dello scooter.

Vespa Elettrica

VACANZE ROMANE Se della classica Vespa 50 viene elogiata soprattutto la capacità di divertire il pilota, la spigliatezza del motore, i consumi da record (e il fatto di poterla guidare senza patente in 16 stati), la Elettrica convince per l’approccio moderno e sostenibile alla mobilità urbana, con la sua capacità di percorrere un centinaio di km con una sola carica. E la retromarcia.

Italjet Dragster

DRAGSTER L’OUTSIDER Il quarto scooter presente nell’elenco stilato da Forbes è il fantastico Italjet Dragster, presentato a EICMA 2019 e che ci ha conquistati immediatamente per la bellezza e l’unicità del progetto, davvero dirompente. Ne abbiamo scritto e parlato in lungo e in largo durante la fiera di Milano: qui i nostri approfondimenti.

Honda PCX

HONDA SICURA Chiude la classifica un altro grande classico della mobilità cittadina, l’Honda PCX 150. Non un progetto nuovo, ma l’ultima versione di un altro “classico”, magari meno iconico, ma comunque perfetto per il commuting quotidiano, sia per la praticità che per la ciclistica, senza dimenticare consumi e costi di manutenzione.


TAGS: italjet dragster piaggio beverly honda pcx vespa elettrica forbes vespa 50