Pubblicato il 09/04/20

THE WINNER IS… Harley-Davidson ha proclamato l’attesissimo vincitore del concorso King of the Kings 2020, competizione pensata per premiare il miglior customizzatore dell marchio del Bar&Shield. Con partecipanti provenienti da oltre 18 nazioni e più di 50.000 mila votanti l’edizione 2020 ha visto trionfare Oscar Peralta con la sua Apex Predator.

Lo scarico artigianale della Apex Predator

LA MOTO La base di partenza della Apex Predator è una Sportster XR1200 che Oscar e il suo team hanno personalizzato da cima a fondo, con pezzi provenienti da altre Harley- come il faro donato da una Breakout- ma anche realizzati ad hoc come lo scarico 2-1-2 costruito a mano che spunta da sotto alla sella (soluzione molto atipica per una Harley). Le linee sono sportive, esaltante anche dai dettagli gialli, dal british green e dall’alcantara della sella, e la ciclistica è stata migliorata per ben integrarsi con esse, oltre che a render giustizia ad un nome che non lascia interpretazioni: predatrice di punti di corda. Per farlo Oscar ha sostituito la forcella originale con una Showa Big Piston ai cui piedi lavorano una coppia di pinze freno assiali e i dischi freno con profilo a margherita.

La seconda classificata Gryps

LE ALTRE Alle spalle della Apex Predator, direttamente dalla Grecia, si è classificata la Gryps una special basata sulla Roadster, mentre si è meritata una menzione speciale la Thunderbike, realizzata da Harley-Davidson Niederrhein (Germania) che ha colpito favorevolmente il team di designer della Casa di Milwaukee.

 


TAGS: harley davidson harley harley davidson king of the kings apex predatore harley vincitore king of the kings 2020