F1 | Wolff spiega il no Mercedes alle minirace
F1 2019

Wolff spiega il no Mercedes alle minirace: "Preserviamo il DNA della F1"


Avatar di Luca Manacorda , il 29/10/19

1 anno fa - Wolff rivela di aver votato contro le minirace di qualifica

Toto Wolff ha rivelato che la Mercedes è uno dei due team che si è opposto all'introduzione delle minirace di qualifica nel 2020

PROPOSTA BOCCIATA È la Mercedes uno dei due team che si sono opposti all'introduzione di tre gare spint di qualifica nella prossima stagione di F1. Comunicando il tramonto di questo progetto, Ross Brawn aveva spiegato che all'ultimo due scuderie avevano bocciato l'idea, facendo saltare tutto. Toto Wolff, boss della Mercedes, ha confermato pubblicamente di essere stato tra i responsabili di questa bocciatura.

VEDI ANCHE



LE MOTIVAZIONI MERCEDES La proposta prevedeva lo svolgimento di queste minirace con ordine di partenza invertito rispetto alla classifica del Mondiale: "L'ho fatto perché abbiamo la responsabilità di preservare il DNA della F1 - ha spiegato Wolff - Sento che è sbagliato, non al fine di preservare un vantaggio, perché forse sarebbe stato un bene per noi che la Ferrari partisse alle nostre spalle, se guardiamo all'attuale ritmo mostrato in qualifica. Ho votato contro perché, quando guardi la finale dei 100 metri alle Olimpiadi, non si fa in modo che Usain Bolt inizi cinque metri dietro solo per renderla una finale emozionante".


Pubblicato da Luca Manacorda, 29/10/2019
Vedi anche
Logo MotorBox