Autore:
Antonio Albertini

PROGETTO SOLIDO Nel weekend di Sochi, ha trovato conferma l'esistenza di un progetto per portare in F1 una nuova scuderia russa, destinata a dare spazio in particolare ai piloti di quella nazione. L'uomo chiave in questa operazione è il miliardario Boris Rotenberg, già protagonista nel motorsport con la sua SMP Racing. Ross Brawn, direttore sportivo della F1, ha ammesso che l'ipotesi di vedere nascere questo nuovo team è tutt'altro che campata per aria.

PRESENZA RUSSA La Russia ha scarsa tradizione nel motorsport e in F1, anche se recentemente le cose stanno cambiando. La presenza in calendario del proprio gran premio, le esperienze in pista di piloti come Vitalij Petrov, Daniil Kvyat e Sergey Sirotkin, l'interesse verso la categoria di sponsor e ricchi imprenditori: tutti aspetti che hanno aumentato il seguito del campionato in questa nazione. 

F1 GP Belgio 2019, Spa: MotorBox intervista Daniil Kvyat nell'hospitality Red Bull-Toro Rosso - 5

PREREQUISITI OK È proprio partendo dall'osservazione di questi aspetti che Ross Brawn si dichiara possibilista verso questo progetto: "Abbiamo una presenza abbastanza forte in F1 di piloti, uomini d'affari e imprenditori russi - ha dichiarato all'agenzia di stampa Tass - C'è anche una gara russa, quindi tutti i prerequisiti sono già lì".


TAGS: formula 1 sochi f1 kvyat f1 2019 Sirotkin SMP Racing Rotenberg Brawn