Autore:
Simone Valtieri

ERICSSON E IL SOGNO AMERICANO Il weekend del Gran Premio del Brasile è iniziato a San Paolo con la tradizionale conferenza stampa del giovedì, al quale non era presente però nessun top driver. Le cose più interessanti le ha raccontate Marcus Ericsson, che ha parlato della sua decisione di correre in IndyCar il prossimo anno: "Non so se questo sarà il mio addio definitivo alla Formula 1, o se la Indy rappresenterà solo una tappa di passaggio della mia carriera, per ora sono concentrato per fare un importante lavoro oltreoceano e sono super entusiasta di questa nuova esperienza, ma non si può mai dire cosa accadrà in futuro."

ANCHE VANDOORNE SALUTA Analogamente a Ericsson, Vandoorne si è detto concentrato anch'esso sul suo futuro in Formula E: "Non potrò fare neanche un po' di pausa quest'inverno, appena finito il mondiale inizierà la mia avventura in Formula E. Non so cosa potrà accadere in futuro, abbiamo visto che il mercato di Formula 1 è piuttosto pazzo. In ogni caso i due anni vissuti qui sono stati piuttosto folli, credo di essere arrivato in Formula 1 al momento giusto e con il sostegno adeguato, ci è mancata un po' la competitività, mi sarebbe piaciuto lottare per posizioni migliori."

VETTEL E I BILANCI Nel paddock di Interlagos ha parlato anche Sebastian Vettel, reduce da un'ottima gara in Messico, verso la improba impresa di conquistare il titolo costruttori con la Ferrari, che dovrebbe però recuperare ben 55 punti alla Mercedes in appena due gare. “Non ho pensato molto a quanto accaduto in pista in questa stagione, credo che sia stato positivo allontanarmi un po’ dalla questione. Dobbiamo fare ancora due gare e, a stagione ancora in corso, credo che non sia l’ora di trarre dei bilanci, penso sia ancora il momento sbagliato per farlo. Vorrei tornare a vincere prima possibile, anzi, avrei voluto farlo anche prima. Se fosse stata una cosa semplice l'avremmo già fatto, in ogni caso credo che nelle ultime due gare (Austin e Messico) abbiamo mostrato cose buono dal punto di vista del passo, quindi spero di avere presto l'opportunità di tornare a vincere.

HAMILTON GUARDA AI GIOVANI E prima del weekend brasiliano ha parlato anche il fresco campione del mondo Lewis Hamilton, che se domenica dovesse piovere - come potrebbe accadere - andrà a caccia della sua 50° vittoria nell'era turbo-ibrida su 99 gare nei panni di favorito assoluto. Il britannico è già concentrato sulla prossima stagione però, e aggiunge al lotto dei contendenti al titolo i due nuovi piloti di Ferrari e Red Bull, il monegasco Charles Leclerc e il francese Pierre Gasly: "Gli do il benvenuto nella lotta, rivedo un po' del giovane me stesso in loro, alla loro età avevo gli stessi occhi da tigre. Ma è un po' differente ora che sono uno dei piloti più vecchi in griglia, anche se mi sento ancora affamato come quando avevo la loro età."


TAGS: vettel ericsson Raikkonen Hamilton vandoorne f1 2018 GP Brasile