ALLERGIA ALLE POWER-UNIT Niente da fare, alla BMW la F1 caratterizzata dalle power-unit ibride non interessa proprio. Già nel recente passato il marchio bavarese aveva escluso di progettare un rientro nel Circus, categoria dalla quale manca ormai dal 2009, stagione in cui conquistò due secondi posti con Robert Kubica e Nick Heidfeld.

I MOTIVI DEL NO Neppure l'introduzione delle nuove regole che entreranno in vigore nel 2021, ma che non hanno modificato sostanzialmente nulla per quanto riguarda i motori, ha fatto cambiare idea alla BMW. A confermarlo le parole di Jens Marquardt, capo del reparto corse, ad Auto Bild: ''L'ibrido V6 turbo non ha nulla a che fare con ciò che facciamo nella produzione di auto stradali. Da un punto di vista ingegneristico, mi tolgo il cappello davanti a quello che fanno in F1, ma la tecnologia non ha rilevanza per la strada''.

Formula E 2019-2020: Maximilian Guenther (BMW) impegnato nell'ePrix di Santiago

GLI ALTRI IMPEGNI La BMW è tra i grandi marchi che sono sbarcati nel campionato elettrico della Formula E, nel quale collabora con il Team Andretti, e partecipa anche al DTM, serie che invece la Mercedes ha abbandonato al termine del 2018 proprio per concentrarsi sulla FE.


TAGS: bmw f1 Power-Unit