Val di Susa: omicidio volontario per chi ha investito i fidanzati
attualità

Val di Susa: omicidio volontario per chi ha investito i fidanzati


Avatar di Marco Congiu , il 11/07/17

4 anni fa - È accusato di omicidio volontario - e non stradale - l'autista del van

L'autista del van che ha investito domenica la coppia di fidanzati motociclisti in Val di Susa è accusato di omicidio volontario

LA TRAGEDIA Si è tinta di sangue la Val di Susa, nel pomeriggio di domenica. La statale 24 del Monginevro è stata teatro di una tragedia assurda quanto feroce, brutale quanto inutile. Dopo un diverbio - pare per motivi di viabilità - Elisa Ferrero e Matteo Penna, fidanzati di 27 e 29 anni, sono stati travolti da un Ford Transit alla cui guida si trovava Maurizio De Giulio. L'uomo, 51 anni, ha inseguito per diversi chilometri la coppia in moto, per poi speronarli e schiacciarli contro un guard rail. All'arrivo dei soccorsi e delle forze dell'ordine, De Giulio è risultato positivo all'alcol test che ne ha evidenziato un valore di 1,15 grammi/litro, più del doppio della quota massima prevista dalla legge pari a 0,5 g/litro.
 
OMICIDIO VOLONTARIO Mauzirio De Giulio è stato prontamente accusato di omicidio stradale colposo. Dopo un'accurata perizia, però, la Procura di Torino ha stabilito il cambiamento d'imputazione in omicidio volontario. Attualmente, l'uomo è rinchiuso nel carcere Cotugno e Lorusso Le Vallette. Per Elisa Ferrero non c'è stato più nulla da fare, mentre il fidanzato, Matteo Penna, si trova al momento ricoverato in prognosi riservata.

Pubblicato da Marco Congiu, 11/07/2017
Vedi anche
Logo MotorBox