Pubblicato il 29/06/21

PARTI IN MASCHERA Mascherina stop, ma con riserva. L'ordinanza firmata lo scorso 22 giugno 2021 dal ministro della Salute Roberto Speranza e in vigore da ieri lunedì 28 giugno 2021 sgrava gli italiani dall'obbligo di indossare - all'aperto - l'ormai familiare dispositivo di protezione delle vie respiratorie. All'aperto, appunto. La norma circoscrive la fine dell'obbligatorietà a un insieme di circostanze ben precise, escludendo tutte le altre. Per le quali, la mascherina resta invece un accessorio indispensabile per non incappare in una multa (da 400 a 1.000 euro...). Quale disciplina, dunque, vige per chi viaggia a bordo di un'auto? Quali - eventuali - differenze rispetto al quadro precedente? Facciamo il punto (e trattiamo un caso particolare).

 


LA MASCHERINA NELL'ORDINANZA

In base all'ordinanza emanata il 22 giugno 2021 dal Ministero della Salute in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19 in ''zona bianca'', in vigore dal 28 giugno 2021, ''fermo restando quanto previsto dall'art. 1 del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 2 marzo 2021, che prevede, tra l'altro, l'obbligo sull'intero territorio nazionale di avere sempre con se' dispositivi di protezione delle vie respiratorie [...] cessa l'obbligo di indossare dispositivi di protezione delle vie respiratorie negli spazi all'aperto, fatta eccezione per le situazioni in cui non possa essere garantito il distanziamento interpersonale o si configurino assembramenti o affollamenti, per gli spazi all'aperto delle strutture sanitarie, nonche' in presenza di soggetti con conosciuta connotazione di alterata funzionalita' del sistema immunitario''. Ne deriva che la mascherina resta obbligatoria, oltre che all'aperto in contesti come mercati, file fuori dai negozi, grandi eventi come raduni, concerti, eventi sportivi, etc., anche in ogni spazio al chiuso differente da abitazioni private. Quindi, in auto?

MASCHERINA IN AUTO

A bordo di un'auto resta perciò obbligatorio indossare la mascherina in presenza di amici, colleghi, familiari e anche partner non conviventi, anche se già vaccinati. Quanti passeggeri? Massimo due sui sedili posteriori, nessun passeggero sul sedile anteriore, altri due passeggeri massimo in presenza di terza fila di sedute. Chi viaggia in auto da solo non è tenuto a indossare la mascherina. Idem per chi viaggia in compagnia di familiari conviventi, o persone esterne al proprio nucleo familiare, ma che condividono la stessa abitazione (i coinquilini). In tal caso, anche la capienza massima è quella per la quale è omologato il modello stesso. Ergo, per ora non cambia niente.

MASCHERINA A BORDO DI CABRIO/SPIDER

Tecnicamente (e in omaggio al buon senso), l'abitacolo di un'automobile decapottabile è un ambiente aperto. Tuttavia, nel caso si condivida un viaggio, viene meno il principio di distanziamento interpersonale. Valgono perciò in sostanza le stesse identiche regole applicate a una vettura con tettuccio fisso: come da norma, la mascherina va perciò indossata tutte le volte che si accompagnano persone estranee al proprio nucleo familiare, o comunque non conviventi.

MASCHERINA IN BICI, MOTO E SCOOTER

Idem come nel caso delle cabriolet. Qualunque sia il mezzo a due ruote in questione (monopattini inclusi), il conducente è da considerarsi in un luogo all'aperto. Ma se sulla sella - monopattini esclusi! - si trasporta un passeggero che non sia un familiare o un convivente, allora la mascherina resta obbligatoria


TAGS: auto e Covid mascherina in auto decreto giugno 2021