Pubblicato il 10/02/2020 ore 16:47

PASSAPAROLA Con questo brand, vai sul sicuro. Con quell'altro, aspettati un problema dopo l'altro. Talvolta solo luoghi comuni, ma ogni leggenda, si sa, prende le mosse dalla verità. Tra i criteri che si adottano per scegliere una nuova auto, uno più degli altri è a scoppio ritardato. Il grado di affidabilità si esprime solo in là nel tempo: solo dopo un anno o due puoi sostenere con buona ragione se l'acquisto è stato indovinato, o se al contrario ti ha portato grane. Ad aggiornare la classifica dei marchi auto più affidabili ci pensa ora Altroconsumo: nel report, tante conferme. Sia in un senso, sia - ahimé - nell'altro...

Affidabilità auto, parte 1

GARANZIA MADE IN JAPAN Guasti al circuito elettrico (lampade, spie, alzacristalli, etc.), all'impianto frenante (pompa idraulica, dischi), a componenti elettriche del powertrain (motorino di avviamento, batteria): quanto spesso, in media, tocca prendere un appuntamento in officina per risolvere un inconveniente? Al primo posto come ''reliability'' - e non è affatto una sorpresa -, le auto del Gruppo Toyota: in primis Lexus, ma anche Daihatsu, il brand Toyota stesso, inoltre anche Subaru (che dal Gruppo pesca numerose componenti). Le giapponesi, ma anche i marchi coreani: nella parte alta della graduatoria, pure KiaSsangyong (oltre a HondaInfiniti, Suzuki e Mitsubishi). Scandali a parte (vedi gli airbag Takata), con le orientali ti dimentichi persino l'indirizzo del meccanico e dell'elettrauto.

Affidabilità marchi auto, parte 2

ITALIANE PIANTAGRANE Dal grafico apprendiamo come gli europei esprimano soddisfazione per le asiatiche, ma pure per le immarcescibili tedesche: ben piazzate, soprattutto, PorscheAudi e BMW. Le italiane? Secondo i proprietari, non molto affidabili (e ricorriamo a un eufemismo). Lancia, Fiat e Alfa Romeo classificate tra le ultime: design, comfort e prestazioni, ma l'auto italiana è quella che ti fa i dispetti più antipatici. Altroconsumo infine calcola la spesa media di manutenzione: al primo posto si piazza ancora una volta Toyota con 230 euro l’anno, seguita da Suzuki a 240 euro. Agli ultimi posti, Audi con 450 euro e Land Rover (550 euro). Che di malfunzionamenti (vedi la tabella) è pure esperta...


TAGS: affidabilità auto report altroconsumo