Pubblicato il 31/08/20

SALA D'ATTESA Il collo di bottiglia non si forma solo in autostrada in caso di traffico intenso. Può manifestarsi anche nei server della pubblica amministrazione, specie se un servizio avanza a due velocità, una virtuale e una reale. L'ecobonus per vetture diesel e benzina Euro 6 è formalmente attivo: chi finalizza l'acquisto di un modello che rispecchia le caratteristiche ecologiche descritte dalla norma (emissioni CO2 comprese tra 60 e 110 g/km, con la soglia dei 90 g/km come spartiacque tra i due scaglioni) ha diritto agli incentivi. Ma ancora, non li ha ricevuti né è così sicuro di riceverli davvero. Perché la piattaforma è offline fino al 1° settembre. E il 1° settembre rischia seriamente di trasformarsi in un D-day, più che in click day. Chi prima arriva, meglio alloggia? 

Ecobonus 2020: chi prima arriva, meglio alloggia?

ECO CAOS In sostanza, dei 50 milioni di euro rifinanziati col decreto Rilancio, destinati proprio a spingere le vendite di diesel e benzina a basso grado di emissioni (la fascia di gran lunga più gettonata, tra quelle meritevoli del bonus: ben più di elettriche ed ibride plug-in) e disponibili dallo scorso 1° agosto, non rimase niente già dopo una settimana. Il 15 agosto il provvedimento succesivo (decreto Agosto) ha rialimentato i fondi riservati alle vetture a combustibili tradizionali con ulteriori 100 milioni di euro: ma come si evince consultando il portale ufficiale del Ministero dello Sviluppo Economico, il fondo non è ancora operativo. Perciò: chi avesse sottoscritto un contratto di acquisto successivamente a quella data, ha diritto per regolamento all'ecobonus. Salvo disponibilità finanziaria, visto che martedì il 1° settembre tutti i dealer, in contemporanea, formuleranno la richiesta al Ministero, col rischio concreto di esaurire le risorse non in un giorno soltanto, ma in una mattinata o in poche ore. 

SOLD OUT? Se 50 milioni di euro sono andati in fumo in una settimana, logico pensare che 100 milioni vadano bruciati in tempi pressapoco doppi: finito agosto, finiscono anche i soldi. La previsione di un click-day scaduto il quale diesel e benzina Euro 6 restino a secco di incentivi non è poi così lontana dai fatti reali. 


TAGS: euro 6 ecobonus 2020 incentivi auto 2020 decreto agosto