Autore:
Emanuele Colombo

ANCHE I RICCHI PIANGONO Negli USA lo scandalo degli airbag difettosi Takata non lascia scampo nemmeno alle supercar. Sono coinvolte nel maxi-richiamo tutte le Ferrari prodotte tra il 2016 e il 2017, comprese le LaFerrari, le F12 Berlinetta, le California T, e le speciali F12 tdf; moltissime Ferrari FF e 458 nelle varianti Italia, Spider, Speciale e Speciale Aperta. E poi ancora le Audi R8 2017; le Tesla Model S costruite dal 2012 al 2016; tutte le McLaren P1e buona parte delle MP4-12C, delle 650S, delle 570 e delle 675LT in edizione limitata.

EFFETTO SHRAPNEL Il problema, che ha già costretto al richiamo 40 milioni di veicoli, è che in caso di incidente gli airbag incriminati possono proiettare schegge metalliche per tutto l'abitacolo, a causa di un meccanismo di gonfiaggio difettoso. Si tratta del richiamo più grande nella storia dell'auto e fa riflettere che Takata abbia comunicato il problema già nel 2013, ma che a distanza di tre anni gli airbag difettosi siano stati ugualmente installati sulle auto di nuova fabbricazione.


TAGS: audi ferrari richiamo tesla mclaren laferrari mclaren p1 tesla model s audi r8 2017 takata airbag difettosi richiamo airbag scandalo airbag scandalo takata