Autore:
Lorenzo Centenari

MONTEPREMI ESAURITO A ciascun Paese, la sua vittima sacrificale. In Italia paga per tutti il diesel, in Gran Bretagna ad entrare in crisi è al contrario l'auto ecologica. Oltremanica le vetture elettriche e plug-in hybrid beneficiano ora di un programma di ecobonus che ne ha sin qui accelerato la diffusione, tuttavia dal 9 novembre prossimo il Governo chiuderà i rubinetti. Niente più incentivi all'acquisto di ibride plug-in, sforbiciata di 1.000 sterline (da 4.500 £ a 3.500 £) alle elettriche pure. Ai sudditi di Sua Maestà viene staccata la corrente, la propagazione di auto green si ridimensionerà in maniera drastica, e un sistema fondato quasi esclusivamente sul sostegno pubblico mostra tutti i propri limiti.

FIGLI E FIGLIASTRI Il Dipartimento dei Trasporti del Regno Unito classifica le auto ecologiche in tre sottospecie: Category 1 con emissioni inferiori a 50 g/km di CO2 e autonomia a zero emissioni di almeno 70 miglia (circa 112 km), Category 2 con emissioni sempre sotto la soglia dei 50 g/km, ma una percorrenza in elettrico compresa tra 10 e 69 miglia, Category 3 infine le auto che emettono tra 50 e 75 g/km di biossido di carbonio e marciano a batteria per non più di 20 miglia (32 km). Ecco, per esigenze di bilancio, Category 2 e Category 3 verranno escluse dai contributi pubblici. Resta (in parte) il bonus per le Category 1, standard che pareggiano soltanto le auto a propulsione 100% elettrica. 

ECO, MA NON TROPPO Non è tutto: Londra ha anche avvisato che qualora nelle prossime settimane la domanda di ibride ricaricabili dovesse registrare un'impennata, la deadline del 9 novembre potrebbe anche essere anticipata. Della serie: guidate eco, ma anche no. Oltretutto, l'introduzione dei nuovi protocolli WLTP per la musurazione di consumi ed emissioni ha fortemente rallentato anche in UK la produzione e la consegna di veicoli ai concessionari, anche di quelli a basso impatto ambientale. E chi volesse in extremis approfittare degli ecoincentivi, rischia ora di restare seriamente con un pugno di mosche in mano. Paese che vai, leggi che trovi. Purché gli automobilisti ne escano disorientati.


TAGS: auto elettrica emissioni CO2 auto ibride plug in ecoincentivi