Autore:
Dario Paolo Botta

AREA B FASE II Debutta il prossimo 1 ottobre 2019 la fase due dell'Area B, la ZTL più grande d'Italia che limita l’accesso all’area urbana del capoluogo lombardo ai veicoli più inquinanti. Le nuove modifiche alla normativa coinvolgono un numero di vetture che oscilla fra le 150.000 e le 160.000 unità, a cui dal prossimo mese sarà impedito definitivamente l’ingresso in città. Banditi dunque i motori Diesel Euro 3 e alcuni modelli Euro 4, via inoltre al progetto Move-In, che introduce la “black-box”, scatola nera per il monitoraggio chilometrico, pensata per chi fa un uso "limitato" dei veicoli ad alte emissioni.

DEROGHE E INCENTIVI Move-In si inserisce nel più ampio progetto di contenimento degli inquinanti del bacino padano, che vede Milano e Regione Lombardia fra i suoi principali promotori. Move-In si rivolge ai possessori di veicoli con motore benzina Euro 0 e Diesel Euro 0, 1, 2 e 3. Installando in vettura la suddetta scatola, si potrà usufruire di una deroga ai vincoli imposti da Area B Fase II. Lo sconto si applica a tutti coloro che utilizzano la propria auto per meno di 9.000 km l’anno. A ciò si aggiunge un pacchetto di incentivi da 26,5 milioni di euro per la sostituzione dei veicoli (privati e commerciali) più inquinanti.

Lotta all'inquinamento: a Milano parte Area B fase II

COME FUNZIONA MOVE-IN? La “black-box” di Regione Lombardia è in sostanza un piccolo elaboratore digitale in grado di monitorare i chilometri percorsi dall’auto, che inoltre registra il livello di emissioni e lo stile di guida del conducente. I dati raccolti verranno inviati a un database centrale (aggiornato quotidianamente) da cui sarà possibile consultare i chilometri residui (qui il link). Raggiunto il limite, scatta ovviamente il blocco. Il sistema prevede anche premi per chi adotta uno stile di guida a basso impatto e rispettoso dell’ambiente, chilometri aggiuntivi per chi viaggia fra i 70 e i 100 km/h (+ 0,2 km per ogni chilometro percorso in autostrada a questa velocità) e chi macina tanto extraurbano (+ 0,2 km ogni chilometro di extraurbano). Fermo restando che nei periodi di sforamento delle soglie inquinanti, la circolazione di queste vetture rimane comunque vietata.


TAGS: regione lombardia inquinamento lotta alle emissioni inquinamento diesel