Autore:
Lorenzo Centenari

CAR STREAMING A Bologna fa Corrente, ma non perché qualcuno abbia lasciata aperta la finestra. "Corrente" è invece il nome (quanto di più indovinato) imposto al primo servizio di car sharing elettrico a metter su famiglia all'ombra delle Due Torri. Due filosofie in un vocabolo soltanto: mobilità a zero emissioni, noleggio a breve termine (CorRENTe). L'onore di scarrozzare i bolognesi da un lato all'altro del capoluogo, per prima e in assoluta ecologia, spetta a Renault Zoe: già a disposizione 120 esemplari della elettro-utilitaria transalpina (debutto ufficiale il 27 ottobre), altrettanti si uniranno alla compagnia entro Pasqua 2019. Per un pacifico esercito di 240 Zoe, che un riconoscimento lo conquista a tavolino: quello di flotta più silenziosa al mondo.

BOLOGNA LA VERDE Due parole in più su Corrente e il suo funzionamento. Promotore dell'iniziativa è Omnibus, consorzio pubblico-privato che riunisce Tper (Trasporto Passeggeri Emilia-Romagna), Cosepuri e Saca, società locali di noleggio auto e bus con conducente. Il servizio rispecchia il principio del free floating (car sharing a flusso libero): i veicoli disponibili potranno essere ritirati e abbandonati sia in parcheggi dedicati, sia in aree pubbliche, purché all'interno dei 45 km quadrati di operatività di Corrente stesso. La ricarica delle batterie? A cura del gestore del servizio: un team monitorerà in tempo reale l’autonomia residua di ciascuna Zoe, puntualmente intervenendo quando necessario. Promemoria: Zoe Z.E. 40 (accumulatori da 41 kWh) ha birra in corpo anche per 300 km (nuovo ciclo WLTP). 

PAY-PER-DRIVE La campagna di registrazioni al green car sharing by Renault avrà inizio lunedì 8 ottobre 2018, sia sulla piattaforma online (www.corrente.bo.it), sia mediante applicazione mobile dedicata, da scaricare sul proprio smartphone da Google Play o Apple Store. Dal portale o dalla app, il cliente visualizzerà sulla mappa le auto disponibili più vicine alla propria posizione (o ad un altro indirizzo d’interesse): secondo inoltre la logica del prelievo on demand, la prenotazione potrà essere effettuata anche real time, o quasi. Pagamento tramite carta di credito, tariffa di lancio (fino al 31 dicembre 2018) di 20 centesimi al minuto (anziché 25 centesimi), cifra che dal 2019 si applicherà anche agli abbonamenti annuali.

PASSE-PARTOUT Perché lasciare l'auto in garage, e farsi trasportare dalla Corrente a bordo di una Zoe? Perché per muoversi in città su quattro ruote non esiste in effetti soluzione tanto vantaggiosa. Alle zero emission Renault del nuovo car sharing emiliano sarà infatti consentito l’accesso alle zone a traffico limitato (ZTL) dell'intero Comune di Bologna (ad eccezione delle aree pedonali), la marcia sulle corsie preferenziali, inoltre la sosta gratuita sulle strisce blu, negli stalli bianchi per i residenti, e ovviamente nei posti auto riservati al car sharing. Oltre che in patria, Renault (che di auto elettrica e di mobilità condivisa se ne intende) prende a piantare bandierine anche in Italia. Non resta che aspettare di conoscere il nome della prossima città, alla quale la Régie darà Corrente.


TAGS: renault bologna renault zoe car sharing corrente