Pubblicato il 19/12/2018 ore 17:55

SI FA ATTENDERE Non come la Ferrari, ma poco ci manca: ci ha messo poco, la nuova Suzuki Jimny, a conquistare il cuore degli automobilisti inglesi. Per tanti motivi. Ed ecco che nel Regno Unito le liste di attesa si sono allungate a dismisura e per avere una delle piccole fuoristrada giapponesi c'è almeno un anno di attesa.

PERCHÉ PIACE La popolarità della Jimny si deve a tanti fattori. Un po' è merito dello sfizioso mix di 4x4, dimensioni ultra-compatte e design azzeccatissimo. Un po' c'entra la tradizione visto che, avendo dato i natali alla Land Rover, il Regno Unito è un po' la patria dei fuoristrada. Ma c'è di più.

VANTAGGI FISCALI Senza le maggiorazioni ai passaruota, la nuova Suzukina è abbastanza stretta da rientrare nei limiti delle cosiddette Key car, che godono di tassazione agevolata. Travolti dalla domanda, i cncessionari locali non accettano più prenotazioni con acconto, ma solo manifestazioni di interesse.

PRODUZIONE LIMITATA Ad allungare le liste di attesa concorre poi una produzione ridotta, determinata anche questa, principalmente, da motivi fiscali. Jimny ha infatti consumi ed emissioni di CO2 più elevati delle sorelle Ignis e Swift e pare proprio che Suzuki non voglia dover pagare le multe che l'Unione Europea prevede per chi supera le emissioni previste, calcolate sulla media dell'intera gamma.

LE CONTROMOSSE Risultato: le 1.200 macchine che la casa giapponese ha pianificato di distribuire in Inghilterra nel 2019 sono già state tutte aggiudicate (con le prime consegne previste a gennaio). Per il 2020 si è pensato di elevare tale quota a 2.000 vetture. Non si sa se rimodulando la distribuzione delle stesse, introducendo nuove motorizzazioni o delocalizzando la produzione con nuovo impianto in India.

UN CASO POLITICO Fatto sta che ora la stampa inglese fa il tifo per l'autonomia dall'Unione Europea: “Il Regno Unito potrebbe vedersi distribuire un numero maggiore di automobili se non dovessimo più scegliere di partecipare allo schema della UE per ridurre la CO2”, scrive Autocar. Una Suzuki Jimny val bene una Brexit?


TAGS: brexit suzuki jimny 2018 liste di attesa tempi di consegna