Pubblicato il 24/04/20

Tesori nascosti

Anni di storie leggendarie ce lo hanno insegnato: a volte i tesori più preziosi sono quelli ben nascosti. A volte però i posti dove sono nascosti non sono poi così impenetrabili, e finiscono per venire alla luce. È il caso di una serie di tre capannoni che, ignoti al mondo per oltre 30 anni, custodiscono una pazzesca collezione di auto storiche e rarissime fatta di oltre 300 esemplari marchiati Lamborghini, Ferrari, Corvette, Ford... Ve ne abbiamo già parlato incentrando l'attenzione su una Bizzarrini P538 dal valore intorno al milione di euro, ma tutta la storia merita di essere approfondita.

SU YOUTUBE Il collezionista misterioso resta tuttora anonimo, ma ad avere svelato al mondo il suo impressionante tesoro è lo youtuber specializzato in motori Larry Kosilla, del canale Ammo Nyc. Il videomaker, che sta contribuendo in prima persona alla manutenzione delle auto, ha potuto filmare il restauro della Bizzarini e anche una specie di visita guidata a uno dei capannoni, in vista della messa all'asta di buona parte della collezione. 

LE AUTO Lo stesso Kosilla dichiara di non avere ancora avuto modo di valutare l'intero tesoro, raccolto in anni di ricerche tra USA e Europa, e che comprende alcuni dei marchi più prestigiosi dell'industria automobilistica (non mancano Rolls Royce, Ford GT40s, una Ferrari Lusso, due Plymouth Superbirds e una Lamborghini LM002 che potrebbe essere appartenuta a Nicholas Cage). L'emergenza Coronavirus infatti ha messo in pausa anche questo progetto, come un po' tutto quello che sta accadendo nel mondo.

LA COLLEZIONE Lo youtuber esperto in manutenzione è stato contattato inizialmente ben tre anni fa da alcuni amici del misterioso proprietario. Per tre anni i rispettivi impegni hanno ritardato i lavori, fin quando il collezionista non si è fatto vivo con una richiesta urgente, dal momento che stava proprio finendo lo spazio. Anche nel video caricato su YouTube possiamo notare come sia effettivamente difficoltoso camminare all'interno del capannone, per quanto è stipato. Le auto peraltro sono raccolte in ordine sparso, o meglio, a seconda di quando sono state acquistate, e non per marchio come sembrerebbe più pratico e sensato.

Rolls Royce e Plymouth Superbird nella collezione

IL PROPRIETARIO Casilla ritiene comunque che la maggior parte delle auto non avranno bisogno di più di una lavata, una lucidata e un controllo generale. L'idea del proprietario è quella di fare spazio, conservando soltanto gli esemplari a cui è più affezionato, per continuare la sua incredibile collezione. Kosilla ha dichiarato che, se è pratica comune che questi collezionisti vogliano rimanere anonimi, almeno il proprietario in questione gli ha permesso di filmare i lavori, cosa che nel 90% dei casi viene espressamente vietata, con suo grande scorno. 

L'ASTA Il video peraltro, nonostante la pandemia abbia ovviamente messo in stop anche le vendite, ha presto conquistato grande visibilità sul web, tanto che pare stiano anche fioccando le offerte di acquisto, comprese quelle provenienti da case d'asta. Le auto però, quando sarà possibile, verrano con tutta probabilità messe in vendita in gruppi piuttosto ristretti, e non tutte in una volta (come a volte accade). Tra quel poco che si sa sul misterioso proprietario, c'è il fatto che non si tratta di qualcuno che lavora nell'industria automobilistica, ma di un ''semplice'' appassionato. Molto appassionato, se come dice Kosilla, sa tutto di ogni singola auto e può parlare di ciascuna per delle mezz'ore.


TAGS: ferrari lamborghini asta larry kosilla