Autore:
Giulia Fermani

GUIDA IRRESPONSABILE Patente sospesa a David Beckham: usava il cellulare alla guida. Ma il londinese, marito della celebre Posh Spice, non è l’unico calciatore ad aver avuto disavventure con la legge: Verratti, Vidal, Nainggolan e Balotelli, sono infatti solo alcuni dei colleghi "illustri" accusati di comportamenti irresponsabili in auto. Anche in questo caso vale il commento di Nick Lloyd, capo della The Royal Society for the Prevention of Accidents: "Le celebrità hanno una responsabilità nel proteggersi dagli incidenti e rappresentare un buon esempio per i loro sostenitori, assicurando che questi si attengano alle regole della strada". Un commento espresso solo il mese scorso, quando Cristiano Ronaldo è stato accusato di guida irresponsabile per aver condiviso su Instagram un video in cui cantava alla guida della sua Rolls-Royce Cullinan.

BECKHAM Dovrà dunque passare sei mesi senza patente l’ex calciatore David Beckham. Il londinese, classe 1975, è stato infatti sorpreso al volante della sua Bentley nel centro di Londra, a Great Portland Street, con lo smartphone in mano. Questa distrazione costerà al 43enne campione di Manchester United, Real, Milan e Psg anche sei punti sulla patente. Già un’altra volta, poco più di un anno fa, Beckham aveva avuto problemi con la legge. All'epoca era stato pizzicato mentre viaggiava su una Bentley noleggiata a 95 km/h in una zona di Londra dove il limite era di 65 km/h. In quell'occasione, però, era riuscito a tenersi ben stretta la patente grazie a un cavillo tecnico. 

NAINGGOLAN E BALOTELLI Patente sospesa per un mese e 1.600 euro di multa anche per Radja Nainggolan, accusato di guida in stato in ebbrezza al rientro da una serata dopo Belgio-Grecia. Nel 2015, poi, la Lamborghini di Mario Balotelli fu sorpresa dalla Polizia locale di Brescia a sfrecciare in città, dove il limite è di 50 km/h, sfiorando i 90 km all'ora. Tante scuse da parte di SuperMario e patente sospesa. Gli è andata meglio un paio di anni dopo, quando nel 2017 Balo è stato fermato dalla polizia stradale in un tratto dell'A4 mentre sfrecciava a 200 Km/h. Per lui niente sospensione della patente ma "solo" una multa di 250 euro e 5 punti in meno sulla licenza di guida. 

VERRATTI Anche Marco Verratti, centrocampista del Psg e neopatentato all’epoca dei fatti, dovette rinunciare alla patente lo scorso novembre 2018. A lui fu però fu proprio ritirata, non solo sospesa. Il calciatore era stato infatti pizzicato postivo all’alcol test nel 13° arrondissement di Parigi. Secondo l’Equipe, che riportò i dati rilasciati dalla polizia locale parigina, Verratti fece registrare all’etilometro un bel - si fa per dire - 0,49 mg/l, valore superiore alla norma autorizzata che consente di raggiungere al massimo i 0,20 mg/l.

VIDAL Più complicata la vicenda che ha visto coinvolto Arturo Vidal nel 2015. Per lui, infatti, il ritiro della patente - per due anni - è arrivato accompagnato dall’obbligo di firma mensile al consolato cileno di Milano. Il motivo? Dopo un incidente con la sua Ferrari 458, che si è schiantata contro un’altra auto a Santiago del Cile, è stato stabilito che il centrocampista della Juventus si trovava in stato di ubriachezza.

 


TAGS: cellulare alla guida mario balotelli David Beckham patente sospesa ninggolan verratti vidal