Autore:
Emanuele Colombo

I PRECEDENTI Toyota ha patteggiato nel 2010, appena prima che la Iternational Trade Commission (ITC) iniziasse il processo; Hyundai ha accettato di pagare lo scorso divembre, dopo aver perso una causa da 28,9 milioni di dollari e adesso tocca a Volkswagen: la Paice LLC, un'azienda americana semi-sconosciuta con sede a Baltimora, l'ha citata in giudizio per aver violato alcuni suoi brevetti in tema di auto ibride.

I FATTI La Paice, insieme alla Abell Foundation di cui è partner, sostiene di aver insegnato a Volkswagen la sua tecnologia ibrida brevettata una decina di anni fa. Ora che il gruppo tedesco prepara lo sbarco delle sue auto ecologiche in America per recuperare terreno dopo il dieselgate, la Paice pretende il pagamento delle royalties. L'accusa di violazione di brevetto è stata presentata venerdì scorso alla ITC, con la richiesta di un ordine restrittivo alla vendita delle ibride dei marchi Volkswagen, Audi e Porsche in America. Un'altra brutta gatta da pelare per la casa di Wolfsburg.


TAGS: toyota hyundai audi volkswagen porsche america auto ibride dieselgate paice