Autore:
Luca Cereda

COL BENE CHE TI VOGLIO Boccata d'ossigeno per il mercato dell'auto, che in Italia chiude il mese di luglio a +4,4% sullo stesso periodo del 2017, con un immatricolato di 152.393 automobili, favorito anche da un giorno un giorno lavorativo in più (fonte Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti). Un dato certamente positivo, non sufficiente però a suscitare ottimismo: “Benché in lieve ripresa, non è facile prevedere per il mercato auto in Italia un recupero rispetto allo scorso anno - afferma Michele Crisci, Presidente dell’UNRAE, l’Associazione delle Case automobilistiche estere.

JEEP PER DUE Con la morte di Sergio Marchionne e l'avvento al timone di Mike Manley, nelle settimane scorse FCA ha affrontato una burrasca in Borsa. E' andata diversamente in concessionaria, dove le immatricolazioni del Gruppo sono cresciute del 3,3%. Merito di Alfa Romeo (+44,5% con 4.910 auto vendute) e soprattutto di Jeep, che ha più che raddoppiato (+102%) le consegne rispetto a luglio 2017. Delle 7.205 Jeep vendute, oltre il 94% sono Compass o Renegade, piazzate rispettivamente al sesto e al nono posto della top ten italiana di luglio. In contrazione, invece, le Fiat: -10,8%.

MEGLIO NOLEGGIARE? Luglio ha fatto sorridere anche Volkswagen (+35,8%) e Renault (+38,2%), protagoniste di un bel balzo. A trainare le vendite, parlando di tipologie di carrozzeria, sono i SUV (+10,6%) e le crossover (+43%), mentre nella scelta della tipologia di alimentazione continua a calare il diesel (-5,2%). Rimanendo, tuttavia, la fetta più grossa del mix di vendita (51%), sempre lontano da una svolta green: a luglio le ibride hanno superato il 5% nella quota di mercato, mentre le elettriche contano lo 0,4%. Continua a piacere, infine, il noleggio dell'auto a lungo termine: +20,4%.


TAGS: mercato auto immatricolazioni auto luglio 2018