News

Crash test: Audi A6


Avatar Redazionale , il 26/11/04

16 anni fa -

CINQUE STELLE La carrozzeria della Audi A6 è estremamente solida. La cellula di sopravvivenza rappresentata dall'abitacolo è robusta e protegge bene i passeggeri. Anche gli eventuali bambini sono al sicuro (quattro stelle) mentre l'urto comporta gravi rischi per i pedoni (una stella).


IMPATTO FRONTALE La scocca subisce soltanto minime deformazioni e la portiera del guidatore si apre normalmente dopo la collisione.Gli airbag frontali a due stadi e  le cinture di sicurezza con pretensionatore e limitatore di forza, unitamente alla solidità della struttura permettono al guidatore e al passeggero di subire


 sollecitazioni contenute al torace e alle gambe. Per il pilota queste sono però esposte al rischio di ferite, a causa del contatto con la colonna dello sterzo e con il suo meccanismo di regolazione. Lo stesso accade al passeggero con il cassetto portaoggetti. Nella zona della pedaliera non ci sono deformazioni di rilievo e i pedali non arretrano.


IMPATTO LATERALE La A6ottiene il massimo dei voti, grazie agli airbag per il torace montati nei sedili e a quelli a tendina che proteggono la testa dei passeggeri anteriori e posteriori.

PROTEZIONE BAMBINI I due bambini sono ben protetti, anche se a seguito dell'impatto frontale si registrano sollecitazioni leggermente elevate al torace di quello più grande, che non riesce a ottenere un buon giudizio.Per attivare e disattivare l'airbag passeggero c'è un interruttore manuale ma i concessionari Audi danno la possibilità di disattivare l'airbag anche in modo permanente.


Quando l'airbag è disattivato, appositi segnali si attivano nel quadro strumenti e sulla plancia.Gli avvisi sui rischi di una non corretta sistemazione del seggiolino sono affidati a un semplice pittogramma amovibile posto sulla plancia. I seggiolini utilizzati nel test sono Fair Bimbo Fix, frontemarcia per il manichino grande e in senso opposto per quello piccolo, entrambi fissati tramite gli attacchi Isofix. 

PROTEZIONE PEDONI La protezione è molto modesta. Le aree che si dimostrano poco aggressive sono solo due e poco estese. Il paraurti e il bordo del cofano possono invece causare seri danni. Occorrono maggiori sforzi su questo fronte.
Pubblicato da Redazione, 26/11/2004
Gallery
Vedi anche
Logo MotorBox