Pubblicato il 04/02/2020 ore 17:45

LOTTA ALLE EMISSIONI Come tutti i produttori europei, anche Volkswagen deve vedersela con le severe normative dell’Unione Europea sulle emissioni. I limiti non riguardano solo le auto per il trasporto di persone, ma anche i veicoli commerciali e i furgoni. Poteva forse Volkswagen, così impegnata nel processo di elettrificazione della propria gamma, trascurare il suo Transporter?

RICCA GAMMA Previsto per il prossimo anno, il Transporter pizzicato durante i test nel nord della Svezia sostituisce il T6 attualmente in commercio, che è a sua volta un facelift della serie T5. Il T7 sarà invece un modello del tutto nuovo, basato sulla piattaforma MQB, e sarà disponibile sia in versione a trazione anteriore che integrale, in varianti di ogni foggia e colore (anche per i campeggiatori, naturalmente).

Volkswagen Transporter 2021: le foto spia

COSA CAMBIA Dal punto di vista estetico emergono già, pur sotto le camuffature, alcune differenze con il modello corrente: la griglia anteriore è un po’ meno ingombrante, il montante posteriore tra la seconda e la terza fila di sedili è in vetro e non in metallo. Di diverso disegno anche i fanali posteriori. All’interno è prevedibile che il T7 erediti il nuovo stile Volkswagen per quanto riguarda cruscotto e sistema di infotainment con schermo a sbalzo.

I MOTORI Per quanto riguarda le motorizzazioni, non mancheranno i propulsori a gasolio, a cui però si affiancheranno quelli ibridi, anche plug-in, e non è esclusa la possibilità di una versione completamente elettrica (visto l’interesse sempre maggiore che riscuotono i furgoni a zero emissioni). Al momento, le varianti ibride della gamma Volkswagen prevedono un motore a benzina di 1,4 litri affiancato all’unità elettrica, ma i furgoni non hanno mai avuto propulsori con capacità inferiore ai due litri. Staremo a vedere.


TAGS: ibrido plug-in volkswagen transporter 2021