Sixt, la strategia per l’elettrificazione della flotta di auto a noleggio
Noleggio auto

Sixt, la via per l’elettrificazione passa (anche) dal noleggio


Avatar di Claudio Todeschini , il 23/09/22

1 settimana fa - Sixt, la strategia per l’elettrificazione della flotta di auto a noleggio

La visione sostenibile di Sixt passa per l’ampliamento della flotta di auto elettriche (Tesla, Audi, BMW) ma anche dalle infrastrutture di ricarica

L’auto elettrica diventerà sempre più protagonista dei nostri spostamenti, anche quelli fatti con le auto a noleggio. Sixt, uno dei principali operatori in questo settore (che ha lanciato un’iniziativa per chi deve viaggiare per tornare a casa a votare in questi giorni), ha presentato il suo articolato piano per incentivare e sostenere una mobilità più pulita. Un piano che tocca tutti gli aspetti del settore, dall’elettrificazione della flotta alla neutralità climatica dell’azienda, passando per la costruzione di una propria infrastruttura di ricarica.

Sixt apre le prime filiali in Canada Sixt apre le prime filiali in Canada

ELETTRIFICAZIONE DELLA GAMMA Sixt prevede di elettrificare il 12-15% della propria flotta con nuovi veicoli a batteria, includendo in questa categoria le auto elettriche, le plug-in e le mild hybrid (sicuramente quelle che meno beneficiano dell’elettrificazione). Entro il 2030 la flotta europea avrà tra il 70 e il 90% di veicoli elettrificati. Da qui a dicembre 2022, infine, Sixt conta di ampliare l’offerta per i clienti con modelli elettrici ed elettrificati di Audi, Opel, Renault, BMW, Peugeot e Tesla. Sfruttando quanto riportano i dati di un sondaggio, ossia che l’auto a noleggio è un’ottima occasione per conoscere e provare più da vicino le auto elettriche, e superare i preconcetti che si portano appresso.

INFRASTRUTTURE Già lo scorso anno Sixt aveva annunciato di voler investire 50 milioni di euro nella realizzazione della propria infrastruttura di ricarica all’interno delle sue filiali, così che sia possibile ricaricare la flotta di auto elettriche (ed elettrificate) una volta restituite dai clienti. A questo si aggiungerà a breve la possibilità di garantire - tramite la app Sixt - l’accesso ai quasi 300mila punti di ricarica aperti al pubblico in tutta Europa, analogamente a quanto già fatto da diversi costruttori (Kia Charge, Skoda Powerpass ecc.).

Sixt e le nuove assunzioni di personale proveniente dall'Ucraina Sixt e le nuove assunzioni di personale proveniente dall'Ucraina

VEDI ANCHE



CAR SHARING La piattaforma Sixt One, insieme alla app dedicata, permette di accedere a diversi servizi di mobilità, dal noleggio vero e proprio al car sharing e agli abbonamenti auto, che possono contribuire a ridurre le auto private in circolazione e lo spazio occupato (anche in termini di parcheggi). La prossima integrazione del servizio Sixt Charge incentiverà ulteriormente l’uso di auto pulite.

NEUTRALITÀ CLIMATICA Oltre al rinnovo della flotta di auto a noleggio, Sixt punta a ridurre il più rapidamente possibile le emissioni di CO2 generate nella gestione delle proprie filiali, per esempio tramite l’installazione di sistemi fotovoltaici su larga scala. E laddove non sia possibile ridurre le emissioni localmente, Sixt avvierà progetti di compensazione, con l’obiettivo di rendere tutte le sue filiali climaticamente neutre entro il 2023.

I piani per la mobilità sostenibile di Sixt: Angelo Ghigliano, vice presidente di Sixt Italia I piani per la mobilità sostenibile di Sixt: Angelo Ghigliano, vice presidente di Sixt Italia

LE DICHIARAZIONIIn SIXT crediamo nell'innovazione, nel progresso e nella libertà”, ha dichiarato Alexander Sixt, Co-CEO di SIXT SE. “Questo vale anche per il cambiamento climatico, un problema urgente e una delle più grandi sfide di questi tempi. Poiché il noleggio di un'auto elettrica è come un test drive a pagamento, Sixt cercherà di accelerare e generare entusiasmo per la mobilità elettrica. Ma la posta in gioco è molto più alta: offrendo una combinazione di un'ampia varietà di veicoli elettrici, un facile accesso all'infrastruttura di ricarica nazionale e la neutralità climatica della nostra azienda, desideriamo essere pionieri per un futuro sostenibile”. 
SIXT sta investendo in modo importante non solo nella flotta elettrica, ma anche nelle infrastrutture, imprescindibili per garantire all’elettrico di diventare un’alternativa appetibile e sostenibile”, ha aggiunto Angelo Ghigliano, Vice President & Managing Director di Sixt Italia. “Prevediamo di realizzare l’infrastruttura di ricarica nella maggior parte delle nostre filiali in Germania entro la fine del 2022 e nella maggior parte delle filiali dei paesi europei entro il primo trimestre del 2023, inclusa l’Italia”.


Pubblicato da Claudio Todeschini, 23/09/2022
Tags
Vedi anche
Logo MotorBox