Pubblicato il 22/06/21

SFORZO PRODUTTIVO La diffusione sempre più rapida di auto (e super-auto) elettriche ha costretto le Case automobilistiche a investire capitali ed energie in soluzioni tecnologiche che migliorino l’efficienza e la capacità delle batterie al litio. È il caso di Ford, che a fronte di un esborso di 130 milioni di dollari, ha deciso di collaborare con Solid Power per sviluppare accumulatori allo stato solido per le sue prossime BEV (Battery Electric Vehicle). Di recente, Porsche ha fatto lo stesso sottoscrivendo una partnership milionaria con Cellforce Group per ingegnerizzare batterie ad alte prestazioni nell’impianto Weissach Development Center di Tubinga, in Germania.

Esploso della batteria di Porsche Taycan

ACCORDO LUNGIMIRANTE Lo stabilimento avrà una capacità produttiva annua minima di 100 MWh, un quantitativo energetico in grado di alimentare qualcosa come 1.000 automobili. ''Le celle a ioni di litio sono paragonabili per importanza alla camera di scoppio del motore termico. Sono il futuro! L’unione fra Porsche e Cellforce Group sarà determinante nel portare avanti la ricerca, lo sviluppo, la produzione e la vendita di batterie ad alte prestazioni di ultimissima generazione'', ha dichiarato Oliver Blume, Presidente della Consiglio direttivo di Porsche - che aggiunge: ''Questo accordo ci consente di posizionarci in prima linea a livello globale nello sviluppo di batterie più potenti in grado di fungere da ponte fra l'inconfondibile esperienza di guida Porsche e la sostenibilità ambientale. È in questa maniera che diamo forma al futuro dell'auto sportiva''.

ACCUMULATORI DEL FUTURO Le batterie prodotte nella nuova struttura di Tubinga utilizzeranno anodi di silicio, garantendo così migliori performance, riducendo ulteriormente i tempi di ricarica. Parlando della nuova partnership, il Presidente Blume ha annunciato che i nuovi accumulatori potranno essere ricaricati in meno di 15 minuti. Per fare un confronto, attualmente occorrono circa 25 minuti per ripristinare dal 20 all’80% i 93,4 kWh di Porsche Taycan Turbo S. Inoltre, grazie ai miglioramenti in fase di sviluppo e progettazione, gli accumulatori potranno resistere meglio alle alte temperature, il che secondo Porsche sarà di fondamentale importanza nel motorsport.

Oliver Blume, Presidente del Consiglio direttivo di Porsche

PRIMA NEL MOTORSPORT Dapprima, le nuove batterie Porsche-Cellforce Group saranno testate in ambito sportivo e solo successivamente troveranno applicazione sui modelli stradali. Nel caso la tabella di marcia venisse rispettata, la produzione dei primi super-accumulatori dovrebbe iniziare non prima del 2024. Dopo aver aumentato la sua partecipazione in Rimac Automobili (portata al 15,5% alcuni mesi fa), Porsche sembra davvero convinta che elettrico e sportività siano la formula vincente per imporsi in un mercato sempre più competitivo e spietato.


TAGS: porsche porsche elettrica Batterie Porsche