SECONDO ROUND Ancora pochi mesi, forse solo settimane. E un pioniere delle auto elettriche come Renault Zoe prima maniera passerà il testimone alla seconda generazione. Evoluzione o rivoluzione? La prima ipotesi, a quanto pare. Un pensiero suffragato sia dalle dichiarazioni del designer Laurens van den Acker, sia dalle foto spia scattate i giorni scorsi che ritraggono un muletto in fase di collaudo. Nuova Renault Zoe resta fedele al progetto originario, semmai migliorandolo sotto diversi aspetti. Perché rispetto al tempo degli esordi, la concorrenza si è moltiplicata. E un'elettrica basta-che-sia, la Losanga non può più permettersi di costruirla.

CLIO STYLE Intercettato dai colleghi british di Autocar, van den Acker spiega come Renault Zoe 2019 mutuerà diverse soluzioni esterne e interne da nuova Renault Clio. Il frontale avrà un aspetto simile, fari a LED inclusi, mentre anche il posteriore assumerà una forma leggermente più arrotondata. In abitacolo, in stile Clio sarà la plancia di comando, con le dovute differenze a causa della sua natura di auto elettrica. Sempre a proposito di emissioni zero, maggiore anche l'impiego di materiali ecosostenibili.

TARGET 400 KM Veniamo al punto: nuova Renault Zoe spingerà l'autonomia di guida fino a 400 km "reali", misurati cioè in ottemperanza agli standard WLTP. Lo stoccaggio di accumulatori di maggiori dimensioni, quindi di capacità superiore agli attuali 41 kWh, sarà reso possibile dalla particolare architettura del pianale, una piattaforma "ad hoc" anziché lo stesso schema di cugina Nissan Leaf, che al contrario poggia su un'edizione riadattata del pianale delle origini (2011). Dovesse davvero eguagliare percorrenze di 400 km con un solo ciclo di ricarica, il passo avanti rispetto agli odierni 300 km sarebbe sensibile. E sdoganerebbe l'immagine di Zoe una volta per tutte: una compatta non più solo da tragitti urbani, ma anche un'auto per trasferimenti extraurbani del tutto liberi dalla contagiosa "range anxiety". 

IL BLOCCAPREZZI Il listino? Nulla ancora è trapelato, così come ignote sono le specifiche tecniche del motore e delle stesse batterie. Sarà possibile scegliere tra step progressivi di potenza e autonomia, mentre è probabile che nuova Zoe non si allontani dalla soglia di partenza di 34.000 euro della generazione attuale. E si tenga stretto il titolo di "elettrica per tutti". O quasi.


TAGS: renault auto elettrica renault zoe 2019