OVER THE TOP Per chi non si accontenta di una Mini formato ultra, ecco la Mini non-plus-ultra. Con 306 cv e 450 Nm, la terza edizione di Mini John Cooper Works GP (le prime due risalgono al 2013 e al 2016) è nientemeno che il modello di serie più potente mai omologato dalla Casa inglese. 75 cv in più di una JCW "qualsiasi": il 2 litri 4 cilindri TwinPower Turbo stavolta l'ha combinata grossa. Prezzo? 45.900 euro, ma d'altra parte... Tiratura di 3.000 esemplari e poi stop, consegne a partire da marzo 2020. Per vederla dal vivo, per ora, serve volare al Salone di Los Angeles.

Mini JCW GP, il posteriore

APERTURA ALARE Il super 4 cilindri BMW a stantuffare sotto il cofano, ma la JCW GP è anche opera d'arte su gomma. Basata su Mini 3 porte, l'auto è priva dei sedili posteriori, appartenendo così alla categoria delle biposto. Tenebrosa la livrea in grigio scuro metallizzato Racing Grey con dettagli rossi e tettuccio in sfumatura differente Melting Silver, anche se è ovvio che a balzare all'occhio sia prima di tutto l'alettone posteriore più da sport prototipo che da modello per la strada. Altro segno di riconoscimento? La griglia esagonale a nido d'ape con logo GP. 

QUADRATURA DEL CERCHIO L'utilizzo di materiali leggeri come la fibra di carbonio ottimizza il rapporto peso-potenza, mentre la distribuzione del carico sugli assali altamente ottimizzata promette il caratteristico go-kart feeling Mini. Le ruote forgiate da 18 pollici con design bicolore recano il tema a quattro raggi della John Cooper Works GP con una trama a filigrana. È tra l'altro il cerchio in lega più leggero che sia mai stato montato su una Mini.

JOHN COOPER DOCET Lo spoiler sul tetto non è solo un'affermazione di potere: la sua forma assicura anche uno straordinario carico aerodinamico. Lo stesso vale per le prese d'aria e le superfici di canalizzazione dell'aria nelle minigonne. Posizionato in modo prominente al centro della zona posteriore inferiore, il classico doppio tubo di scarico incarna infine a sua volta il classico dna John Cooper Works. I doppi terminali in acciaio lucido sono fabbricati con il diametro maggiore possibile e sporgono dal diffusore con un'arroganza da rabbrividire.

Mini JCW GP, gli interni

MINI DA GRAND PRIX L'interno della Mini John Cooper Works GP combina un tocco sportivo purista con potenti accenti di colore. Il tema scuro e i materiali creano un'atmosfera minimal e sportiva, con dettagli di alta qualità e deliberatamente colorati in punti selezionati. Il nuovo quadro strumenti digitale sullo sterzo offre infine tutte le informazioni necessarie al conducente nel suo campo visivo. A momenti mi dimentico di scrivere le prestazioni: 0-100 km/h in 5,2 secondi, velocità massima di 265 km/h. Incrociarne una per strada sarà un'esperienza istantanea. Oltre che molto, molto rara.


TAGS: mini mini jcw gp mini john cooper works gp los angeles 2019