Pubblicato il 23/12/2019 ore 16:45

OLTRE 400 ALL'ORA C'è voluto qualche anno, ma la Casa di Woking si prepara a mettere in produzione un'auto più veloce della sua mitica, ma non certo recente, McLaren F1. Erede spirituale dell'icona delle performance car degli anni 90 è la nuova McLaren Speedtail, che negli ultimi test sul rettilineo del Kennedy Space Center in Florida ha fatto ripetutamente registrare punte massime superiori ai 400 km/h.

SULLA PISTA DELLO SHUTTLE È stato il capo collaudatore McLaren Kenny Brack a lanciare per 30 volte alla massima velocità il prototipo di sviluppo XP2 della McLaren Speedtail. Teatro dei test, il Johnny Bohmer Proving Grounds, impianto che sorge sulla pista di 4.800 metri originariamente realizzata dalla NASA per l'atterraggio del primo (e di molti altri) Space Shutttle. Una particolarità su tutte: il rettilineo dello Space Shuttle Landing Facility è fatto in modo da compensare la sfericità terrestre, risultando una delle superfici più piatte in assoluto.

McLaren Speedtail sulla pista costruita dalla NASA per gli Space Shuttle

LA SCHEDA TECNICA Lunga quasi 5,14 metri, la Speedtail è la McLaren più lunga di sempre e, in generale, un vero gigante nel mondo delle auto sportive. Basti pensare che una Ferrari 812 Superfast si ferma a 4,66 metri; una Porsche Panamera Sport Turismo è lunga 5,05 metri. Persino una maxi station wagon come la Volvo V90 si ferma a 4,94 metri! La potenza? Qualcosa come 1.070 cavalli che provengono da un motore ibrido ancora in larga parte misteroso, ma accreditato delle batterie dal più alto rapporto peso/potenza tra gli accumulatori ad alto voltaggio usati in campo automobilistico: 5,2 kW/kg.

PARENTI SERPENTI Prodotta in 106 esemplari, tutti venduti alla bella cifra di oltre 2 milioni di euro ciascuno, la Speedtail può ora entrare ufficialmente in produzione, in vista delle consegne che inizieranno a febbraio 2020. Dotata di tre posti e il marchio giusto sul cofano, la McLaren Speedtail è certamente accreditata per diventare l'erede spirituale della McLaren F1, ma non è l'unica pretendente al titolo. Infatti l'ingegnere che progettò la F1, Gordon Murray, lancerà nel 2022 la T.50, con un motore molto meno potente della Speedtail - un 650 CV aspirato, si dice - con cambio manuale e un peso di 980 kg. La linea della T.50, stando ai disegni tecnici, ricorda molto da vicino la F1 originale e una ventola in coda provvederà a risucchiare aria dal sottoscocca per modulare l'effetto suolo in base alle condizioni di guida. Chi vincerà?


TAGS: mclaren mclaren f1 mclaren speedtail