Pubblicato il 28/05/21

POTENZA NUDA Esclusiva come poche, la McLaren Elva è la supercar inglese che colpisce più per l’assenza del parabrezza che per i suoi dati tecnici, comunque impressionanti: 4 litri V8 a 815 CV di potenza e 800 Nm di coppia massima e uno “zero-cento” coperto in 2,8 secondi. L’assenza del vetro davanti è rimpiazzata da un originale sistema di gestione attiva dell’aria (Active Air Management System, o AAMS) sviluppato da McLaren.

McLaren Elva: il posto di guida

A GRANDE RICHIESTA Originale, forse troppo, e il costruttore inglese ha deciso di realizzare una versione di Elva dotata di un più tradizionale parabrezza: per venire incontro alle richieste dei clienti che preferiscono avere una protezione più solida rispetto alla barriera d'aria dell’AAMS, ma anche per soddisfare i requisiti di omologazione di stati USA. Invariato il resto della carrozzeria, senza tetto e senza finestrini, per offrire la più coinvolgente delle esperienze di guida a cielo aperto.

McLaren Elva: visuale laterale

SOLO VENTI CHILI L’aggiunta del parabrezza (e accessori: vetro riscaldato, tergicristalli con sensore di pioggia, ugelli lavavetri e alette parasole) incide per soli 20 kg sul peso dell’auto, che rimane sotto i 1.300 kg a secco. Un risultato ottenuto dalla rimozione del sistema AAMS, qui del tutto inutile, e dalla cornice del parabrezza in fibra di carbonio.

McLaren Elva: visuale di 3/4 posteriore

TIRATURA LIMITATA McLaren produrrà solo 149 Elva, tutte personalizzate secondo le specifiche del cliente dalla McLaren Special Operations. I primi esemplari del modello con il parabrezza saranno consegnate verso la fine del 2021.


TAGS: supercar edizione limitata mclaren elva aams Active Air Management System