Autore:
Matteo Gallucci

TRUE PASSION Immaginate di avere tra le mani il volante di una roadster anni ‘90 a trazione posteriore senza elettronica. Magari il modello a due posti scoperta più venduta di sempre. Una icona vera e propria, punto di riferimento per gli appassionati di automobilismo. Cosa fareste? Sicuramente affrontare tornati in successione “come se non ci fosse un domani” sarebbe una opzione aitante. Bene, ora per aggiungere il pezzo da 90 cosa pensereste se nel farlo ci fosse in ballo un record mondiale da battere? È da qui che inizia il racconto di una folle notte di mezza estate con Mazda MX-5.

AUSTRIA È il 17 luglio 2019 e la Mazda MX-5 NA (Mk1) accuratamente modificata dal team Mazda Garage è pronta per affrontare il passo di montagna Kaunertal in Austria. Si tratta di un percorso lungo 26 km che contiene 29 tornanti in totale con un dislivello di circa 1.500 metri e porta direttamente all'imbocco del ghiacciaio Kaunertal a quota 2.750 metri. Il tratto di strada è stato chiuso al traffico per provare a stabilire un nuovo record: affrontare il maggior numero di tornanti in 12 ore di guida.

TRIBUTO Perché proprio una Mazda MX-5? Siamo nell’anno del trentesimo anniversario della Miata e questa volta ad organizzare l’evento celebrativo è stata Mazda Germania che ha gommato la sua roadster prima serie con i Pirelli P Zero Asimmetrico di misura 205/50 R15. Questi pneumatici fanno parte della gamma Pirelli Collezione, una linea dedicata alle auto d'epoca e youngtimer prodotte tra gli anni '80 e 2000.

I PILOTI Sulle magnifiche strade del tirolo austriaco quattro diversi piloti si sono dati il cambio dietro al volante della MX-5 per spingere al massimo sull'acceleratore e battere il record prima dello scoccare delle 12 ore. Una strada che sembra una pista da biliardo dove le abilità dei piloti Cyndie Allemann (pilotessa svizzera professionista), Jan Spiess (pilota di MX-5 Cup), Niki Schelle (pilota di rally) e Stefan Novitzki (test driver di Auto Bild) sono state messe a dura prova.

LE REGOLE Il precedente record mondiale era fermo a 1.500 tornanti affrontati in 12 ore. I tornanti devono misurare tra i 150 e 180 gradi per essere conteggiati. L’intera corsa è stata registrata usando il segnale GPS e sensori fotoelettrici appositamente installati lungo il percorso. Il record viene certificato dal “ RID Rekord Institute” tedesco di Amburgo.

IL RECORD Così in quasi assenza di luce alle ore 19:00 austriache la MX-5 di prima generazione parte per affrontare il maggior numero di tornanti della Kaunertaler Gletscherstraße. Dopo 12 ore è record mondiale con 2.900 tornanti percorsi: esattamente 1.400 in più rispetto al record precedente. Niente male per una trentenne che ancora una volta ha dimostrato quanto può essere divertente ed efficacie nella guida dinamica. Una filosofia che non è stata abbandonata ma ripresa con più forza generazione dopo generazione. Infatti la nuova Mazda MX-5 ND è quanto di più simile ci sia al progetto originario che fa della leggerezza, handling e distribuzione dei pesi un'arma molto efficace.


TAGS: mazda mx-5 record mazda mx-5 miata