Autore:
Massimo Grassi

SGUARDO SUL FUTURO Da che mondo e mondo i saloni dell’auto servono non solo a presentare novità pronte ad essere lanciate sul mercato, ma anche per mostrare concept che anticipano forme e soluzioni tecniche che arriveranno poi su vetture di serie. Il Salone di Ginevra 2017 non ha fatto eccezione e di concept ce n’erano davvero tante. Qui a Motorbox abbiamo discusso a lungo per cercare di individuare le 5 più rappresentative della kermesse elvetica. Ed eccole qui.

PEUGEOT INSTINCT Fino all’altro giorno nell’elenco delle case auto impegnate a sviluppare tecnologie per la guida autonoma mancava il nome di Peugeot. Col Salone di Ginevra 2017 la Casa francese si è iscritta al club con la Instinct Concept, coupé ibrida sportiva a 4 posti capace di guidarsi da sola. E non solo: grazie a un sistema di cloud sviluppato in collaborazione con Samsung si può gestire la propria casa mentre si è in viaggio grazie a sistemi di domotica. Diventerà di serie? Il suo powertrain ibrido potrebbe trovare spazio sotto modelli di produzione, ma non prima di 2 anni.

CITROEN C-AIRCROSS CONCEPT Come sarà la Citroen C3 Picasso di domani? Al Salone di Ginevra 2017 ce ne siamo fatti un’idea guardando la C-Aircross Concept, una crossover (ma guarda un po’) con gli ormai classici Airbump sistemati più in basso. Stile sbarazzino e ampie possibilità di personalizzazione sono tra le sue peculiarità, che rimarranno sulla versione di serie, prevista per la fine del 2017. Come vuole il mercato, specialmente per i SUV/crossover di segmento B, la trazione è unicamente anteriore, aiutata però dall’Active Grip Control, un sistema che tramite differenti tarature dell’esp permette di superare terreni sconnessi o a bassa aderenza.

INFINITI PROJECT BLACK S La Infiniti Q60 ha mostrato gli artigli (e che artigli) alla kermesse elvetica con la Project Black S. Guardate l’estetica: estrattore sotto steroidi, alettone taglia XXXL, fibra di carbonio qua e là e nuove appendici aerodinamiche. Un vestito adeguato alla potenza sprigionata dalla concept giapponese: più di 500 cv. Potenza spremuta da un sistema sviluppato dal Team Renault di Formula 1 composto dal V6 benzina da 400 cv unito a un motore elettrico alimentato da batterie agli ioni di litio e un sistema per il recupero dei gas di scarico. Se e quando la Infiniti Q60 più cattiva di sempre diventerà di serie non lo sappiamo. Ma abbiamo già l’acquolina in bocca.

ITALDESIGN POP UP Di auto volanti ne abbiamo vista qualcuna: praticamente dei piccoli aerei biposto con ruote da auto e ali retrattili. Ammettiamolo: tutte alquanto bruttine e con prezzi proibitivi. Poi, al Salone di Ginevra 2017, ti arrivano Airbus (che di mestiere costruisce aerei) e Italdesign (che di mestiere disegna auto). Dall’insolito matrimonio è nata Pop Up, un’auto in grado di volare grazie a un mega drone. Il tutto a guida autonoma e mosso da motori elettrici. Per il car sharing del futuro. Dicono che entrerà in servizio verso il 2030. Per fare l’abbonamento dunque c’è tempo.

BENTLEY EXP 12 CONCEPT Cosa sarebbe una Bentley senza il mitico sound di uno dei suoi motori? Sarebbe una EXP 12, ovvero la concept che la B alata ha portato al Salone di Ginevra 2017. Una cabrio più filante rispetto alla Continental GT e mossa unicamente da un motore elettrico. Eresia? Bah, l’eleganza è quella tipica di Crewe, con pelli pregiate, legno e la classica cura maniacale per il dettaglio. Rimarrà una concept o prima o poi scenderà in strada, per la gioia di ricchi automobilisti con l’anima green? Chissà, nel frattempo attendiamo il 2018 per vedere la Bentley Bentayga ibrida plug-in.              

 


TAGS: concept salone di ginevra 2017 Citroen C-Aircross Concept PEUGEOT INSTINCT CONCEPT Infiniti Project Black S Concept Airbus Bentley EXP 12 Concept Italdesign Pop Up