Autore:
Luca Cereda e Marco Rocca

DRITTE AL CUORE Un buon motivo per fare un giro al Parco del Valentino è la sfilza di supercar che si possono contemplare in religioso silenzio e toccare con mano. Ce n'è per tutti i gusti, più o meno esotiche, in tiratura limitatissima o in versioni pronto pista. Noi ne abbiamo raccolte 5 tra le più sfiziose. Con una sorpresa finale. 

NOBLE M600 Sono tutti bravi a scaricare a terra potenze da Space Shuttle ma sfido io a farlo senza l'ausilio dei controlli elettronici. Mi riferisco all'ABS e all'ESP. La vecchia scuola della Noble M600 è una storia a parte. Offre solo il controllo di trazione, disattivabile su impulso del conducente. L’unico vero impianto di sicurezza è un manettino, grazie al quale si può comandare l’impianto di sovralimentazione: nella modalità Road i due turbo lavorano a 0.6 bar e l’otto cilindri sprigiona 456 CV, in Track la cavalleria aumenta fino a quota 558 unità (la pressione sale a 0.8 bar) ed in Race i due turbo lavorano ad 1.0 bar, regalando al 4.4 ben 659 cv.Sotto il cofano in carbonio alberga un V8 biturbo da 4.4 litri, sviluppato in origine da Volvo e poi elaborato da Yamaha, che sulla coupé garantisce prestazioni entusiasmanti: il passaggio 0-100 km/h viene portato a termine in 3 secondi, per lo 0-160 km/h bastano appena 6.5 secondi e la velocità massima risulta nell’ordine dei 360 km/h. Il cambio è manuale a sei rapporti, fornito dalla torinese Graziano. Il peso totale dell'auto? L’ago della bilancia si ferma a quota 1.198 chili.

McLAREN 720 S: La seconda generazione delle McLaren Super Series e che va a sostituire la “vecchia” 650S. Con un migliorato motore V8 biturbo da 720 cavalli installato attorno al telaio in fibra di carbonio Monocage II. Con un peso a secco di soli 1.283 kg, sarà commercializzata a partire da maggio 2017 in tre versioni (base, Performance e Luxury) al prezzo di 208.600 sterline. Un vero “mostro” dalle prestazioni stratosferiche, dal momento che raggiunge i 100 km/h in meno di 3 secondi e passa i 200 km/h in appena 5 secondi, con una velocità massima di 341 km/h. Le performance in frenata, sostentute da pinze freno irrigidite ed alleggerite assieme ai dischi in carbo-ceramica di serie, sono altrettanto spaziali: dai 200 orari la 720S è in grado di fermarsi completamente in soli 4,6 secondi coprendo appena 117 metri.

CHEVROLET CORVETTE GRAND SPORT Potevamo non includere nella lista la mitica Corvettona? Equipaggiata con un V8 LT1 da 460 cv monta un cambio automatico a otto marce o manuale a 7. Le specifiche di questo allestimento includono anche lo scarico sportivo, il kit aerodinamico in fibra di carbonio, i cerchi di lega da 19 e 20 pollici, le sospensioni Magnetic Ride, oltre al differenziale posteriore a controllo elettronico. Lo 0-100 della Chevrolet Corvette Grand Sport? In 4,1 secondi per una velocità massima prossima ai 300 orari. 

LAMBO HURACAN PERFORMANTE Sapete dove hanno messo il V10 più potente della storia Lamborghini gli uomini di Sant'Agata Bolognese? Semplice, sulla Huracan Performante. Una belva da 640 cv e un innovativo sistema aerodinamico chiamato ALA. Prezzo e disponibilità? A partire dall'estate 2017 per € 195.040. Qualche dato? Accelerazione a 100 km/h in soli 2,9 secondi e spazio di frenata da 100 a 0 orari in 31 metri. Un'altra caratteristica della nuova Huracán Performante è sicuramente il telaio, un ibrido in alluminio e fibra di carbonio chiamato Forged Composite, quest'ultimo presente anche negli spoiler, nel cofano motore e nel diffusore aerodinamico per un risparmio di peso di 40 kg. Ma il vero piatto forte della Huracán Performante è l'inedito sistema ALA, acronimo di Aerodinamica Lamborghini Attiva: dotato di flap e prese d'aria che trovano spazio vicino agli spoiler anteriore e posteriore, è gestito direttamente dall'LPI (Lamborghini Piattaforma Inerziale) ed offre una variazione attiva del carico aerodinamico.

PAGANI HUAYRA BC Date il benvenuto alla più folle hypercar creata da quel pazzo visionario di Horacio Pagani, la Huayra BC. La pletora di numeri della Huayra BC da tenere a mente, è da dose doppia di moment. Vediamo di fare chiarezza e andar per gradi, iniziando dalla potenza. Dal V12 6.0 litri marchiato AMG, gli uomini Pagani sono stati capaci di spremere 789 cv con una coppia taurina di 1.098 Nm. Per la cronaca, l'unico particolare rimasto uguale rispetto alla versione di serie è il tetto. In effetti, quanto a potenza pura, Ferrari, Porsche e McLaren fanno anche meglio. Il punto, però, è che la Huayra BC, dopo un’attenta cura dimagrante che ha interessato abitacolo, cerchi e impianto di scarico (meno 132 kg), pesa meno di una Alfa Mito, appena 1.218 kg

FERRARI 488 SPIDER 70ESIMO La livrea, in british green, è una delle 70 realizzate del reparto Tailor Made del Cavallino per celebrare i 70 anni della Casa. Sulla base di una Ferrari 488 Spider prende vita una versione speciale che aggiunge circa 150mila euro di accessori e personalizzazioni alla 488 liscia. Bellissimo il sedile del guidatore rosso (l'altro è nero) omaggio alle sportive del passato. Non è stata toccata la meccanica che prevede un V8 da 3.9 litri che sciorina 670 cv e 760 Nm.

GIANNINI 350 GP ANNIVERSARIO Un bombardino con motore posteriore centrale da 350 cv, poco più di 1.200 kg e una raffinatezza tecnica degna di una supercar. Un esempio? Le sospensioni push road anteriori e posteriori, i cerchi da 19 pollici ricavati dal pieno (come sulle Pagani) e fibra di carbonio a profusione. Il risultato è degno di nota e lascia estasiati gli appassionati. Tutto è pluriregolabile, compresi i rapporti del cambio. Lo 0-100? Sotto i 3 secondi. Per averla servono 154.000 Euro


TAGS: salone dell'auto di torino parco valentino Parco del Valentino Salone dell'Auto di Torino 2017 le supercar