Pubblicato il 06/07/21

GIORNO CRUCIALE Quella di oggi è una giornata molto importante, per il mercato dell’auto: iniziano in Commissione Bilancio le votazioni per gli emendamenti al decreto Sostegni bis. In ballo ci sono 300 milioni di euro, che dovrebbero essere così suddivisi:

  • 50 milioni di euro per elettriche e ibride (tra 0 e 60 g di CO2 al km)
  • 200 milioni di euro per Euro6 benzina e diesel (tra 61 g e 135 g di CO2 al km)
  • 50 milioni di euro per i veicoli commerciali

Lombardia, sbloccato nuovi fondi rottamazione

Questa ripartizione viene incontro, almeno parzialmente, alle numerose richieste e grida di aiuto che nei mesi passati sono state lanciate dalle varie associazioni di categoria, UNRAE in primis, che proprio qualche giorno fa, in occasione della pubblicazione degli - sconfortanti - dati di vendita di giugno, auspicava il rifinanziamento degli incentivi statali (ma alcune regioni, come la Lombardia, ne hanno già finanziati di nuovi) insieme ad altre misure come il prolungamento dei tempi di completamento delle prenotazioni.

Incentivi Lombardia 2021: come funzionano

ROTTAMAZIONE? Le indiscrezioni che arrivano fino a questo momento sono molto vaghe, e non è ancora chiaro a quanto ammonteranno gli importi degli incentivi per le diverse categorie, e quanto cambieranno a seconda che si rottami o meno un’auto più vecchia. Al momento, funziona così:

  • Incentivo di 8mila euro (più altri 2mila da parte del concessionario) per chi acquista - entro il 31 dicembre 2021 - un’auto con emissioni tra 0 e 20 g/km di CO2, praticamente solo le elettriche, rottamando un veicolo immatricolato prima del 2011. Senza rottamazione, l’incentivo scende da 5mila euro (più mille euro del concessionario). Il prezzo dell’auto non deve superare i 50mila euro (IVA esclusa), quindi 61.000 euro con l’Imposta di Valore Aggiunto.
  • Incentivo di 4.500 euro (più altri 2mila del concessionario) per chi acquista - sempre entro la fine dell’anno - un’auto con emissioni tra 21 e 60 g/km di CO2 con rottamazione. Senza rottamazione, l’incentivo è di 2.500 euro (più mille euro del concessionario)
  • Per le fasce tra 61 e 135 g/km di CO2, al momento gli incentivi sono esauriti (ma ci sono le offerte auto da parte delle case automobilistiche). Nel caso di riconferma, l’ipotesi più accreditata è che venga ripetuta la stessa formula, ossia 1.500 euro (più altri 2mila da parte del concessionario) nel caso di rottamazione. Il prezzo dell’auto - optional inclusi, non dev’essere superiore ai 40mila euro IVA esclusa (quindi 48.800 euro IVA inclusa)

ALTRI FONDI Nella discussione per gli emendamenti al Sostegni bis ci sono altri fondi: 10 milioni per garantire i tamponi gratuiti per ottenere il green pass per i soggetti fragili, e che per le loro condizioni di salute non possono ancora vaccinarsi. 


TAGS: mercato auto rottamazione incentivi auto ecobonus sostegni bis