Pubblicato il 03/02/21

UPDATE 3 FEBBRAIO Niels van Roji Design ha diffuso anche due video che ci mostrano la Breadvan Hommage: uno più breve che mostra la progettazione e l'esperienza su strada, e uno più lungo che trovate qui sotto, come presentazione generale dell'auto.

IL MITO BREADVAN Ve ne avevamo già parlato quando si trattava solo di un progetto, ma ora la Ferrari ''Breadvan Hommage'' di Niels van Roij Design è arrivata. Si tratta di una rivisitazione one-off di un'auto mitica: a firma Giotto Bizzarrini, l'originale Breadvan (furgone del pane, per via del suo caratteristico design) fu ideata dalla Scuderia Serenissima per giocarsela a Le Mans con Ferrari 250 GTO. La base dell'auto del 1962, che montava un motore V12 da tre litri, era una Ferrari 250 GT SWB Berlinetta, mentre in questo caso l'auto di partenza è la Ferrari 550 Maranello.

LE DICHIARAZIONI Ci sono voluti due anni e mezzo a Niels van Roji Design per realizzare questa versione, richiesta da un appassionato tedesco per una cifra che non è stata rivelata. Van Roji, consapevole di misurarsi con una leggenda ha dichiarato: ''Ci siamo ispirati all'originale, ma senza farci limitare nella creatività. La Breadvan Hommage è un nuovo originale''. E ha anche raccontato la scelta dell'auto di partenza: ''Volevamo usare come base un'auto che riportasse all'idea di 250 GT SWB Berlinetta, che non era una vera e propria auto da corsa ma una gran turismo. La Maranello è stata la prima Ferrari con motore V12 anteriore a cambio manuale dai tempi della Daytona, e un ritorno al segmento GT. È perfetta per mostrare che la ricetta Breadvan si può replicare anche nel presente''.

Ferrari Breadvan Hommage by Niels van Roji Design
I DETTAGLI Ogni pannello esterno dell'auto originale è stato modificato o sostituito tranne il parabrezza: lo specialista Bas van Roomen ha battuto a mano la carrozzeria (interamente in alluminio) dopo aver modellato l'argilla direttamente sull'auto di partenza. I sedili avvolgenti in fibra di carbonio dell'auto di partenza sono stati colorati di blu come omaggio alla Breadvan originale, e un altro dettaglio di stile che riguarda gli interni è quello della leva del cambio rialzata

PRESTAZIONI Aumenta anche la sportività della vettura, con nuovi ammortizzatori adatti alle corse e scarichi su misura. Anche le ruote da 20 pollici sono più grandi di quelle originali. Il motore V12 invece è rimasto invariato, con i suoi 478 CV di potenza. Il peso della vettura è leggermente diminuito rispetto ai 1716 kg originali, e questo dovrebbe tradursi in prestazioni migliorate. Lo stile di Breadvan sicuramente è molto particolare e non per tutti, ma se aveste una 550 Maranello da parte (e una cifra ignota) ora sapete che... si può fare.


TAGS: ferrari niels van roij design breadvan