Pubblicato il 30/06/20

CRESCITA INARRESTABILE Il segmento dei SUV è in continua crescita, e non serve un genio per rendersene conto: è sufficiente guardare il traffico di una strada qualunque per rendersene conto. Quello che appare con minor evidenza è la crescita, ancor più marcata (ma con numeri più piccoli, evidentemente), della nicchia dei SUV di lusso, di cui fanno parte Aston Martin DBX, Rolls-Royce Cullinan, Lamborghini Urus e - ovviamente - Bentley Bentayga

ANCHE PER IL SETTORE DI LUSSO Un settore creato di fatto dalla casa inglese di Crewe nel 2016, quando è stato presentato quello che all’epoca appariva come un progetto quasi assurdo, che univa il lusso sfrenato alla possibilità di andare in fuoristrada, la comodità di una limousine alla versatilità di uno sport utility vehicle a sette posti. Una scommessa vinta, e lo dimostrano le oltre ventimila Bentayga vendute fino a questo momento. Con l’arrivo della concorrenza di nomi come Aston Martin e Rolls-Royce, però, la lotta per accapparrarsi i - pochi - facoltosi clienti si è fatta più serrata, e la risposta di Bentley ha preso le forme sinuose ed eleganti di Bentayga 2020.

Bentley Bentayga 2020: in arrivo in questi giorni

COME MIGLIORARE IL TOP? Le sfide del nuovo modello - in arrivo già in questi giorni - sono le stesse della prima versione: prestazioni da supercar, lusso da limousine, capacità fuoristradistiche al top, tecnologia all’avanguardia. Gli ingegneri inglesi hanno concentrato tutti i loro sforzi nel rendere più omogeneo il design del nuovo SUV con il resto dei modelli della casa di Crewe, migliorare il comfort e la vita a bordo, specialmente per i passeggeri, e non rimanere indietro sul fronte della tecnologia. Senza dimenticare le infinite possibilità di personalizzazione - dentro e fuori - che rendono ogni Bentley unica per il cliente che l’acquista.

Bentley Bentayga 2020: i nuovi gruppi ottici

ANCORA PIÙ SPORTIVO A guardarlo da fuori, il nuovo Bentayga segna un taglio netto con il passato: il muso è più affusolato, le luci ellittiche meglio integrate nelle linee tese che si allontanano dalla griglia anteriore, alzata di qualche centimetro. Più sportivo anche il paraurti anteriore, con prese d’aria maggiorate che integrano ancora i fendinebbia. Cambia completamente il posteriore, che abbandona i fari dal taglio squadrato per due più sottili, di forma ellittica schiacciata. Un motivo, quello dell’ellissi, che ritorna anche nella forma dei quattro tubi di scarico. In generale, pur mantenendo dimensioni del tutto simili all’attuale (513 cm di lunghezza, 222 di larghezza e 174 cm di altezza, passo di 296 cm), l’auto appare più grande e ben piazzata sulla strada. Rimane lo spoiler sopra il lunotto, ed è ancor più accentuato quello sul portellone, sopra i gruppi ottici. Nuove, e raffinatissime, le luci a LED anteriori, naturalmente di forma ellittica: i 48 LED che compongono ciascun proiettore sono incastonati in cristallo finemente lavorato, e il risultato è davvero elegante. I tergicristalli sono mossi da un circuito idraulico, e dotati di ben 22 ugelli riscaldati per ogni braccio.

Bentley Bentayga 2020: visuale posteriore

LUSSO A PROFUSIONE All’interno del sontuoso abitacolo la plancia e il cruscotto sono stati leggermente rivisti, specialmente nella parte centrale, dove spiccano le nuove bocchette d’aerazione. Inedite le finiture dei pannelli porta e della plancia, in materiali ecosostenibili. Completamente nuovi i sedili, ventilati, e aumentato lo spazio a bordo per i passeggeri, in particolare quelli posteriori, che possono contare fino a 10 cm in più per le gambe, amplificando ulteriormente l’effetto “limousine” quando si sale a bordo. Per chi invece l’auto preferisce guidarla, il cruscotto interamente digitale è affiancato da uno schermo da 10.9” per l’infotainment, con grafica ad alta risoluzione e ampie possibilità di personalizzazione. Migliorato anche l’HUD frontale, che mostra più informazioni, tra cui il traffico in tempo reale e le condizioni della strada.

Bentley Bentayga 2020: la nuova plancia

CHE CASSE! Il nuovo sistema di infotainment, che integra una SIM sempre connessa, permette aggiornamenti (software, mappe ecc.) over-the-air, e la possibilità di scaricare nuove funzionalità in qualsiasi momento. Di serie il supporto per AppleCarPlay wireless e Android Auto. Chi siede dietro si troverà un comodo telecomando da 5” touch con il quale controllare le principali funzioni dell’auto, dal riscaldamento dei sedili alla musica, passando per temperatura e luci d’ambiente). L’impianto audio è disponibile in due allestimenti: il Bentley Signature Audio, di serie, con “soli” 590 W di potenza, oppure a richiesta il Naim for Bentley, con la bellezza di 1.780 W sparati da venti casse. Possono bastare? 

Bentley Bentayga 2020: il tablet per controllare le funzioni di bordo

PRIMA IL V8 Il nuovo Bentayga 2020 arriverà con la motorizzazione V8 da 550 CV e 770 Nm di potenza, che è quella maggiormente richiesta dai clienti Bentley. Il cambio è un automatico a otto rapporti, la trazione è integrale permanente. Seguiranno nel corso dell’anno la versione ibrida plug-in a 6 cilindri e il ruggente W12 da 604 CV. Di tutto rispetto le prestazioni, considerata la non indifferente massa di 2416 kg a vuoto: la Bentayga scatta da 0 a 100 km/h in 9.9 secondi, e raggiunge i 290 km/h di velocità massima.

PREZZI I prezzi del nuovo Bentayga non sono stati comunicati, ma nel corso della conferenza stampa il Product Line Director di Bentley, Chris Cole, ha detto che il listino sarà di circa il 5% superiore rispetto all’attuale, il che vuol dire che il modello V8 dovrebbe costare circa 200mila euro, il W12 sfiorare i 230mila euro, e il V6 ibrido plug-in arrivare vicino ai 190mila euro.

Bentley Bentayga 2020: visuale di 3/4 anteriore

PIANI PER IL FUTURO La nuova Bentley Bentayga rientra nella strategia Beyond100 di Bentley, con la quale la casa inglese punta a diventare leader mondiale nella mobilità di lusso sostenibile. Questo significa puntare ancor di più su elettrificazione e riduzione delle emissioni di carbonio; a questo proposito, è utile ricordare che la fabbrica di Crewe è già “carbon-neutral” dallo scorso anno. C’è una Bentley completamente elettrica all’orizzonte? Arriveranno altri SUV, magari più piccoli? No, e no, ha risposto Adrian Hallmark, CEO della casa inglese: “il primo passo da compiere è la ricerca di una migliore efficienza per le batterie che alimentano le plug-in. Allora, e solo allora, si potrà forse pensare a una Bentley 100% elettrica”. Per quanto riguarda la possibilità di ampliare la gamma, Hallmark si è detto scettico: “preferisco pensare a serie limitate ed edizioni speciali dei modelli già in commercio”. Almeno per il momento. 


TAGS: bentley bentayga suv bentley suv plug-in