Pubblicato il 25/09/20

SUZUKI LANCIA IL SUO PRIMO MODELLO PLUG-IN HYBRID

ACROSS E RAV4 GEMELLE DIVERSE Squadra che vince non si cambia, dice un vecchio adagio. Anzi, raddoppia. Suzuki interpreta il proverbio alla lettera presentando la Across, un SUV di 4,64 metri, suo primo frutto dell’accordo siglato nel 2017 con Toyota. Infatti, condivide dimensioni, stile e parte dei contenuti tecnologici con un modello di successo della Casa delle tre ellissi, cioè la 5° generazione della Rav4 Hybrid. In sostanza, ne è parente stretta. Quindi, quale può essere il motivo per scegliere la Suzuki piuttosto che la Toyota? Per rispondere a questa domanda conosciamo la nuova Across.

COME È FATTA

Nuova Suzuki Across: il primo SUV plug-in hybrid della Casa giapponese

LOOK PERSONALIZZATO Come vedremo, in Giappone si sono concentrati sulla tecnologia, ma hanno messo mano anche al design lavorando sul frontale con una griglia più estesa, un paraurti modificato e proiettori full LED, che sembrano affilati come la katana di un samurai. Il profilo resta spigoloso ma mi piace come i nuovi cerchi in lega leggera bicolore da 19” le regalino una bella muscolatura. Lo stile più volitivo della Across può essere un altro motivo per sceglierla?

GLI INTERNI 

ABITACOLO ELEGANTE E PRATICO Anche in abitacolo rimane l' impronta della Rav4: significa che trovo gli interni di questa Suzuki eleganti e funzionali. Le dita sfiorano rivestimenti in pelle, plastiche morbide, accoppiamenti precisi. Ci sono tasche e vani portaoggetti nei punti strategici, prese USB per telefonini e tablet, ma anche una 220V sul lato destro del baule che, per inciso, ha una capacità da 490 a 1.604 litri. Insomma, mi sembra un’attenzione al dettaglio alla… tedesca per come ci si trova subito a proprio agio appena saliti a bordo. Di spazio, poi, ce ne è a sufficienza sia davanti sia dietro. C’è tanta luce e non mancano centimetri per gambe e spalle dei cinque passeggeri. La posizione al volante è rialzata, posso vedere bene fuori e la plancia è lineare ed ergonomica.

IL SISTEMA MULTIMEDIALE

Nuova SUzuki Across: l'abitacolo del SUV made in Japan

INFOTAINMENT ALL’AVANGUARDIA C’è il touchscreen da 9” al centro per comandare il sistema multimediale con Bluetooth e compatibile con Apple CarPlay, Android Auto e Mirror Link. Sempre tramite il display si può programmare una ricarica, magari nelle fasce orarie più economiche, oppure a un ora prestabilita. Devo abituarmi a usare bene i menù, ma una volta fatto pratica è semplice richiamare le diverse funzioni. Però, come sempre, mi piace che la regolazione del climatizzatore sia a portata di mano con due manopole appena sotto il display e ci sono altri comandi fisici sul tunnel, di fianco alla leva della trasmissione automatica, e sul volante per gestire il setup della macchina. Secondo me è azzeccato questo mix fra regolazioni a sfioramento e manuali.

LA TECNOLOGIA

Nuova Suzuki Across: il SUV collegato alla colonnina di ricarica

MOTORE PHEV NOVITÀ SUZUKI Ok, abbiamo capito che la Across non è un clone della Rav4, ma il DNA è lo stesso. Sarà una replica anche per come va su strada? Sono curioso di scoprirlo perché in passato ho guidato la Rav4 Hybrid e ne sono rimasto colpito positivamente, pur con qualche ombra. Parto dalla novità più grossa, che è il motore plug-in hybrid, cioè ricaricabile alla spina; un’anteprima assoluta per Suzuki e non ancora disponibile sulla Rav4. Il motore PHEV è combinato a trasmissione automatica e trazione integrale… elettrica. Il SUV di Suzuki monta, quindi, un quattro cilindri benzina di 2,5 litri a ciclo Atkinson da 185 CV e 227 Nm di coppia, abbinato a un motore elettrico da 182 CV e 270 Nm di coppia. La batteria agli ioni di litio, collocata sotto il pianale, ha una capacità di 18,1 kWh, per un’autonomia dichiarata in modalità EV di 75 km nel ciclo combinato WLTP e un tempo di ricarica fino al 100% da 7,5 a 5 ore a seconda se la collegate a una presa domestica o a una colonnina pubblica con corrente alternata, ma ricordatevi che il sistema accetta fino a un massimo di 3,3 kW. La potenza combinata arriva alla bellezza di 306 CV. Sulla carta ce n’è per avere ottime prestazioni e i 6 secondi dichiarati sullo 0-100 km/h ne sono la prova.

Nuova Suzuki Across: la giapponese alla colonnina di ricarica, 5 ore per tornare al 100%

CAMBIA LE MARCE COME GLI SCOOTER Il cambio è un automatico E-CVT a variazione continuae ci sono quattro modalità di guida selezionabili: 100% elettrica, automatica e ibrida in cui il motore termico affianca quello elettrico solo se necessario, infine “ricarica della batteria”, che utilizza il motore a benzina per accumulare corrente. Alle quattro modalità si affiancano tre profili (Eco, Normal, Sport) che agiscono su acceleratore, sterzo e cambio per adattare le reazioni dell'auto allo stile di guida e alla strada. La modalità Trail è quella dedicata al fuoristrada vero e proprio. La trazione integrale E-Four sfrutta un sistema di progettazione Toyota, con un secondo motore elettrico, indipendente da 54 CV e 121 Nm, montato sull’asse posteriore. L’elettrico collabora con il motore endotermico anteriore per ripartire la coppia in modo variabile da 100:0 a 20:80, quindi da trazione anteriore a “quasi” trazione posteriore.

COME VA SU STRADA

Nuova Suzuki Across: autonomia EV dichiarata di 75 km

COMFORT E PIACERE DI GUIDA Durante questo primo contatto, l’Across si è dimostrato un comodo e grintoso SUV, capace di muoversi abbastanza agilmente nel traffico e con disinvoltura fuori dalla città. Lo scatto è buono, e l’allungo è efficace. Se non chiedo il massimo delle prestazioni, mi regala un ottimo comfort grazie alla precisa taratura delle sospensioni, che filtrano le imperfezioni della strada e alla silenziosità in abitacolo. Solamente in piena accelerazione il motore alza un po’ la voce. Lo sterzo è leggero e le manovre a bassa velocità sono quasi un gioco da ragazzi se non fosse per gli ingombri, che la limitano un po’ nello stretto. Invece, un bel vantaggio viene dall'autonomia in modalità EV. A inizio test il computer indicava 57 km di percorrenza - ma non era carica al 100% - e dopo 55 km su un bel percorso misto ad andatura tranquilla ha esaurito l'ultimo elettrone. Un risultato che mi ha confermato l'efficienza del sistema, visto lo scostamento di appena 2 km da quanto indicato inizialmente: un bell’aiuto nelle città con limitazioni alla circolazione. Nelle altre modalità, i motori interagiscono e le prestazioni vanno di pari passo. La Across pesa 2.015 kg in ordine di marcia, e l'agilità ne risente un po', ma mi offre lo stesso una buona guidabilità sulle divertenti strade dell'emtroterra toscano dove l'ho guidata.

Nuova Suzuki Across: il sistema ibrido plug-in che equipaggia il SUV giapponese

CAMBIO CON EFFETTO… ELASTICO Ero curioso di capire il funzionamento del cambio E-CVT, che non mi ha sorpreso, proprio come a bordo della Rav4. Non amo questo tipo di trasmissione a causa del suo antipatico effetto elastico. Cioè, quando si richiama tutta la potenza – pensate a un veloce sorpasso – il motore sale di giri, ma l’auto riprende con un certo ritardo. Tuttavia, ci pensano i 306 CV a regalare un bello sprint alla Across. Con una guida più rilassata, invece, l’E-CVT è ben accordato con il motore e fluido nella variazione dei rapporti: la giusta chiusura del cerchio alla voce comfort. In questo primo contatto abbiamo affrontato anche un breve percorso off-road e grazie alla trazione integrale on demand e alla buona luce a terra (19 cm), la Suzuki non ha avuto problemi a superarlo. Ma ci vorrebbe la prova del nove su un tracciato più impegnativo, magari durante un futuro day by day, dove potrò verificare con più precisione anche i consumi. In questo primo test drive, appena l'autonomia EV è andata a zero, ho sfruttato del tutto il motore a benzina e il computer di bordo mi ha indicato una media di 10,3 l/100 km (9,7 km/l), percorrendo soprattutto strade extraurbane.

I PREZZI

Nuova Suzuki Across: l'elegante abitacolo molto funzionale

COSTA MA È DAVVERO FULL OPTIONAL La Suzuki Across plug-in hybrid arriverà a novembre con un prezzo di 58.900 euro full optional. Fino al 31 ottobre è acquistabile sul web una serie limitata a un prezzo di 47.900 euro grazie alle promozioni Suzuki e agli incentivi statali. Tutte montano di serie i sistemi di assistenza e sicurezza per la guida come cruise control adattivo stop&go in coda, mantenimento attivo della carreggiata, riconoscimento segnaletica stradale, frenata automatica di emergenza, monitoraggio angolo cieco e sistema anticollisione in retromarcia. Un pacchetto di prevenzione davvero completo. A fronte di una spesa ancora elevata (una versione analoga della Rav4 Hybrid costa 46.400 euro), la tecnologia plug-in hybrid vi da maggiore flessibilità nell'uso dell'auto e consente un bel risparmio di carburante, l'importante è capire come sfruttare in maniera virtuosa il valore aggiunto della ricarica alla spina.

P.S. Nell’agenda di Toyota è già segnato l’arrivo del suo SUV con la stessa motorizzazione della Across...

LA SCHEDA TECNICA

Motore 4 cilindri benzina, 2.487 cc PHEV/elettrico 
Potenza max endotermico 185 CV/elettrico 182 CV
Potenza di sistema 306 CV
Accelerazione 0-100 km/h 6,0 sec.
Capacità batteria 18,1 kWh
Dimensioni  4,64x1,86x1,69 
Consumo combinato WLTP  1,0 litri/100 km (100 km/litro)
Emissioni CO2 comb. WLTP 22 g/km
Prezzo

58.900 euro


TAGS: suzuki suzuki across nuova suzuki across suzuki across ibrida suzuki across 2021 suzuki across prova suzuki across video