Prova su strada
Fiat Idea

Fiat Idea

Delle monovolume ha soltanto spazio e praticità interni ma non l'aspetto da furgoncino del fiorista. Ben disegnata, ben realizzata e ben progettata unisce grande versatilità a qualità da tedesca.

42 0
Autore:
M.A. Corniche
Pubblicato il 15/10/2003 ore 10:22

COM’E’ Fiat si è messa in testa una Idea meravigliosa. Ha preso una Punto e sullo stesso pianale ha ricavato tanto spazio e soluzioni intelligenti, utili nella guida di tutti i giorni. Ha fatto tutto (con l’aiuto di Italdesign) pensando anche all’estetica o, meglio, all’immagine. Idea è una auto un po’ più grande e un po’ più alta della media del segmento, ma senza le forme da scatola delle monovolume.

A CUNEO Nel frontale la mano di Italdesign si vede, con i grandi fari che incorporano nella parte bassa le frecce (come la Daewoo Kalos, altro progetto giugiaresco). Un frontale comunque Fiat, con una bella calandra a grattugia. Riuscita è la fiancata, un po’ a cuneo, quasi sportiva, che tiene fuori Idea dalla mischia di monovolume cubiche. Alla sportività contribuisce la coda piatta, piegata in avanti come la coda di un ferro da stiro, pronto a stirare chilometri di pieghe stradali.

PORTE APERTE Grandi portiere e un grande portellone: Idea invita a salire a bordo, con ampi spazi da cui non sembra nemmeno di entrare in auto. E all’interno c’è molto spazio sopra la testa e c’è molta luce, grazie a superfici vetrate da record, ancor più grandi se si sceglie lo Skydome, il tetto tutto in cristallo che si apre sopra le teste di chi siede davanti.

ARIE DA GRANDE Una volta accomodati all’interno, Idea non sembra una piccola da 393 centimetri di lunghezza. L’impressione è di sedere in un’auto di categoria superiore, e non solo per lo spazio a disposizione per tutti e tutto. Sarà merito della bella plancia, imponente ma semplice e pratica nello stile. Una grande fascia che corre da parte a parte, sovrastata al centro da un bel cruscotto ricco e completo di visore digitale multifunzione (per computer di bordo e personalizzazione delle impostazioni di bordo), e che include i comandi della climatizzazione e uno schermo da 7 pollici se si richiede il sistema Connect. Appoggiata su un mobiletto alla base della plancia c’è la leva del cambio, a portata di mano.

QUALITA’ Alla voglia di Idea di sentirsi grande contribuisce anche la qualità dei materiali e dei montaggi. Ho provato delle Idea di pre-pre-serie ma l’impressione di qualità alla tedesca, ammesso che la Germania sia ancora lo standard di riferimento, è già evidente. Dal tocco dei pulsanti, alle plastiche, ai tessuti, alle soluzioni pratiche…

MONOVOLUME DENTRO Nell’animo, comunque, Idea si sente una monovolume. Innanzitutto si perfora l’abitacolo con vani e vanetti sparsi ovunque: sono 25 in totale, dai due cassettini con coperchio ai lati, sopra la plancia, ai buchi disseminati ovunque possibile, dagli immancabili portalattine/portabottiglie ai cassetti aeronautici montati sul tetto (solo per Emotion) che includono uno specchietto per sorvegliare i posti posteriori.

SEDILI PONGO E poi, la flessibilità delle monovolume, con 32 configurazioni dei sedili. I sedili anteriori hanno entrambi lo schienale ripiegabile in avanti fino a formare due tavolini e i sedili posteriori scorrono longitudinalmente per lasciare più spazio ai passeggeri o ai bagagli e hanno gli schienali che si ripiegano in avanti o si inclinano all’indietro. La fetta centrale posteriore, quando è piegata in avanti come un bracciolo, è pronta ad accogliere oggetti nella sua vaschetta o una bottiglia tra i supporti del poggiatesta. Facile è trasformare Idea in un piccolo furgone, ripiegando gli schienali e poi la seduta dei sedili posteriori in avanti in pochi secondi.

MOTORI Sono tre i motori disponibili per il momento, uno a benzina e due a gasolio. Il 1.4 16 valvole da 95 cavalli (70kW) è un motore Fire moderno, con emissioni Euro 4, 128Nm a 4500 giri e 175 km/h di velocità massima. I due motori a gasolio sono MultiJet, con più iniezioni di gasolio nei cilindri per una combustione ottimale. Il 1.3 ha distribuzione a 16 valvole per 70 cavalli (51kW), 180Nma 1750 giri e 159 km/h. Il 1.9 ha distribuzione a 8 valvole per 100 cavalli (74kW), 260 Nm a 1750 giri e 179 km/h. Nuovi motori arriveranno nei prossimi anni, tra cui una versione più spinta del 1.3, con 95 cavalli. Tutti sono accoppiati al cambio a 5 marce manuale e, per 1.3 e 1.4, è disponibile il cambio automatico Dualogic, un cambio manuale robotizzato con comando automatico o sequenziale.

LA GAMMA Quattro allestimenti per il lancio di Idea che parte da subito con un pre-lancio, fatto di prove dai concessionari, eventi e un Idea Tour, prima del lancio vero e proprio di gennaio. Actual, che include Abs con Ebd, chiusura centralizzata con telecomando, volante regolabile in altezza e profondità, sedile guida regolabile in altezza e doppio airbag frontale; Active, che aggiunge il climatizzatore manuale, la predisposizione autoradio gli appoggiatesta posteriori e gli specchi esterni in tinta; Dynamic, con specchi esterni regolabili e riscaldabili elettricamente, fendinebbia, cerchi in lega, sedili anteriori con braccioli e regolazione lombare, airbag a tendina e attacchi Isofix (questi potevano essere di serie su tutte); Emotion, completo anche di alzacristalli elettrici posteriori, climatizzatore automatico Dual-Zone, sensori di posteggio posteriori, autoradio con Cd e portaoggetti sul padiglione. Gli airbag laterali anteriori per il torace sono optional per tutte le Idea.

QUANTO COSTA I prezzi partono dai 13.500 euro della 1.4 16V Actual ai 18.650 euro della 1.9 Multijet Emotion. Le Multijet 1.3 vanno da 14.900 a 17.450 euro; la Dynamic, quella che ha tutto quanto serve a rendere comoda e piacevole la vita a bordo, costa 16.600 euro.

COME VA Tanta aria, tanta luce e visibilità buona in ogni direzione. La posizione di guida è un poco più alta rispetto alla media ma non è verticale, è ben seduta e comoda come su una Punto. Se si regola il sedile tutto in basso il volante rimane un poco alto, costringendo a guidare un po’ appesi al magico rotellone. Le leve sono distanti dal volante, posizione che può risultare scomoda a chi ha le mani piccole, costretto a staccare i palmi dal volante per azionarle. Volante a parte, l’ergonomia è ben studiata, con tutti i comandi a portata di mano e gli strumenti a portata di occhio. Ottima la posizione della leva del cambio.

BUENA VISTA Gli specchi esterni, molto belli, quasi sportivi sono però troppo piccoli, soprattutto pensati su un’auto destinata a vivere le situazioni caotiche del traffico cittadino: per essere sicuri di non investire ciclisti e pedoni è meglio non fidarsi dell’immagine riflessa e guardare direttamente. Sufficientemente grande e ben posizionato è invece il triangolo di cristallo alla base del montante anteriore che offre buona visibilità sia in città per evitare i pedoni sia fuori porta, con la traiettoria delle curve sempre ben visibile. Il lunotto che si allunga verso il basso rende facili e ben visibili le manovre in retromarcia. Piacevole è il tetto Skydome, molto silenzioso anche aperto in velocità.

EASY DRIVING Malgrado la carrozzeria più alta rispetto alla Punto, la Idea non ha nulla da invidiare alla sorella in termini di guidabilità e di sicurezza di guida. Idea ha un rollio quasi nullo in curva, è molto precisa nel seguire le traiettorie impostate anche da piloti con il piede pesante e risponde molto bene a manovre di emergenza (Fiat dichiara il passaggio al famigerato test dell’Alce fino a 68 km/h). Ci si può divertire nella guida sportiva ma Idea pensa anche al comfort, con sospensioni ben tarate. Lo sterzo è fedele ai comandi del pilota e il servosterzo elettrico Dualdrive con l’opzione City, che alleggerisce lo sforzo nelle manovre, rimane una idea furba.

1.3 16V MULTIJET Il gioiellino di Fiat-GM Powertrain è il motore ideale per Idea. È molto silenzioso, quasi non sembra un motore a gasolio, e molto fluido e disponibile a tutti i regimi. Nel traffico risponde sempre bene appena si inizia a rilasciare la frizione, è regolare e pronto già da 1000 giri ed è davvero difficile farlo spegnere anche per il pilota più negato. Se si chiede potenza, il MultiJet con la J blu (è rossa per il 1.9) spinge fino a 5000 giri senza sosta. Garantisce consumi tali da farvi odiare dal vostro benzinaio (Fiat dichiara quasi 20km/litro medi nel ciclo combinato e circa 16 nel ciclo urbano) e il suo peso contenuto bilancia molto bene il peso generale di Idea. Nelle gite fuori porta è in grado di assicurare medie autostradali senza complessi di inferiorità.

1.9 8V MULTIJET Trenta cavalli in più rispetto al 1.3 non sono pochi e si ha subito la sensazione di avere un bel motorone sotto il cofano, anche in termini di peso (la 1.9 pesa 75kg in più rispetto alla 1.3) e di rumore (è silenzioso ma meno del 1.3). Il 1.9 spinge bene a tutti i regimi ma in città il 1.3 ha già potenza a sufficienza e il 1.9 può essere utile a chi viaggia molto spesso a pieno carico o per chi usa molto l’auto su percorsi veloci extra-urbani. Per peso e potenza, la guida si fa meno neutra, con una tendenza sottosterzante ad allargare la curva con il muso. Per i piedi sportivi, si fa più divertente…

1.4 16V Paragonato al 1.3 MultiJet il 1.4 a benzina è un motore anacronistico, una scelta giustificata soltanto dalla differenza di prezzo che non è certo insignificante. Ciò non vuol dire che il motore a benzina non vada bene, anzi. È silenzioso, leggero, molto pronto e scattante. E anche sobrio nei consumi, con circa 15km/litro dichiarati nel ciclo combinato, e quasi 12 in città. È comunque la scelta giusta per chi pensa di percorrere pochi chilometri in città, evitando di produrre polveri sottili.


TAGS: fiat idea

Back To Top