AMMIRAGLIA SEAT Oggi al top di gamma di Seat troviamo la nuova Tarraco 2019, ovvero il SUV a 7 posti più grande della Casa di Martorell che prende di diritto il posto di ammiraglia, a ruote alte, del Brand ed è lei la protagonista della prova su strada della settimana. Vediamo assieme come un big SUV di 4,73 metri di lunghezza si comporta in una città trafficata come Milano e quanto comfort garantisce affrontando lunghi tratti autostradali. Let's go!

A TU PER SUV Prima di iniziare un breve giro di 360° attorno alla vettura. È la prima volta che mi trovo di fronte alla Seat Tarraco e posso confermare, fin da subito, le buone impressioni avute dopo aver visionato le foto stampa. Dal vivo la sua presenza è davvero importante e non parlo solo delle sue generose dimensioni (4,73 x 1,84 x 1,66 metri) perché le sue linee sono molto tese e squadrate con un accenno di sportività che è sempre stato il vero tratto caratteristico di tutti i modelli Seat.

DESIGN SPIGOLOSO A partire proprio dal frontale, con una calandra grande e cattiva e fari accigliati full LED ben incastonati nella carrozzeria. Meno personale il laterale che si ispira chiaramente alla sorella Volkswagen Tiguan: stessa linea tesa che passa tra le maniglie laterali, fascione in plastica nero inferiore con cromatura collegato ai passaruota compresi. La vettura in prova calza grandi cerchi da 20 pollici ma, per i periodi invernali, la misura può scendere fino ai 17'. Le luci al posteriore hanno un disegno tridimensionale, sono anch'essi a LED, e vengono colelgati da una sottilissima striscia orizzontale che si apprezza per luminosità soprattutto di notte. Gli indicatori di direzione sono dinamici (come sulle lussuose Audi) e seguono il disegno triangolare dei gruppi ottici posteriori. Un gioco di luci degno del miglior prestigiatore. Vediamo se gli effetti speciali proseguono all'interno?

SPAZIO A VOLONTÀ Impossibile non andare subito a cercare la terza fila di sedili: quella che mi fa guadagnare i 7 posti e che si nasconde nel vano porta bagagli. Facile e intuitivo il suo posizionamento e, con grande sorpresa, il volume di carico rimane ottimale per almeno due grandi borsoni pari a 230 litri di capienza disponibili con 6 persone passeggeri a bordo oltre al conducente. Niente male per il calcetto settimanale. Viaggiano in 5, invece, abbiamo una esagerata capacità di carico: 760 litri standard estendibili a 1920 con i divanetti posteriori abbattuti (viaggiando in due). Da pulmino passeggeri a re dei traslochi, il passo (2.79 metri) è un attimo.

INFOTAINMENT PREMIUM Ma torniamo agli effetti speciali perché i più fortunati siedono davanti. A fornire ogni informazione al conducente c'è il Digital Cockpit con display da 10,2 pollici (un altro prestito di Audi) tutto digitale, lo schermo a centro plancia è capacitivo e misura invece 8 pollici. Dovete abituarvi alla sua "sensibilità" per non cambiare preselezione di menu continuamente ma una volta fatta l'abitudine potrete gestire una infinità di funzioni racchiuse nel Seat Full Link: Seat Drive App, Android Auto, Apple CarPlay e Amazon Alexa. Se non bastasse, per i più tecnologici, è disponibile anche il pacchetto Navigation Plus che introduce per la prima volta su una Seat i comandi gestuali. Più che effetti speciali siamo allo stupore: un vero effeto "WOW" con cui impressionare i commensali a bordo di Tarraco gesticolando con l'infotainment. Fatto!

TUTTI IN FILA Viaggiando a pieno carico fa sorridere, per distanza siderale, dialogare con l'ultimo della fila. Chiedo un feedback reale sulla comodità in marcia e la risposta arriva favorevole: l'accesso anche all'ultima fila contenente i due sedili è agevole mentre il più "scomodo" (si fa per dire) è chi siede nel mezzo della seconda fila per via del tunnel centrale ma lo spazio per gambe, testa e spalle non manca davvero per nessuno. Abitabilità eccellente, Tarraco promossa a pieni voti.

DIESEL CHE NON TRADISCE È ora di scaldare il motore e vedere come se la cava su strada la Tarraco equipaggiata con il 2.0 litri turbodiesel da 150 CV in abbinamento al cambio automatico DSG e trazione integrale 4Drive. Dalla prima ripartenza l'erogazione dei 340 Nm di coppia mi convince per regolarità dai 1.750 giri ai 3.000. Senza strappi, davvero pulita si porta a spasso i quasi 1.700 kg a secco della Tarraco senza alcun problema, anzi, il brio del 4 cilindri è divertente visto che lo sterzo, leggero, la rende addirittura agile. Stranamente è la trasmissione a deludermi, un po' troppo lenta nel cambiare rapporto in progressione con un fastidioso trascinamento... ma certo la Seat Tarraco, oltre a non essere né una sportiva né una citycar, non è stata progettata per questo. Calmo i bollori sportiveggianti per godermi l'esperienza di viaggio in tratti più extraurbani e il comfort "tedesco" prende il sopravvento sulle linee frizzanti ispaniche: la tenuta di strada è sempre ottima e precisa con la trazione integrale e l'insonorizzazione molto buona. Una nota di merito all'assetto che vede sospensioni indipendenti McPherson all'anteriore e multilink al posteriore che smorzano parecchio il classico rollio e beccheggio da guida a ruote alte. Più che guidare un grande SUV sembra di guidare una berlina (visto che è più bassa di 2 cm rispettoa alle sorelle Tiguan e Kodiaq). Consumi? circa 5,5 l/100 km, senza risparmiarsi troppo sul pedale dell'acceleratore.

SICUREZZA DA 5 STELLE Tutta la tecnologia del Gruppo Volkswagen viene travasata sull'ammiraglia a ruote alte di Seat. La lista degli aiuti alla guida è lunga e prevede: frenata automatica con riconoscimento pedoni e ciclisti, Lane Assist (mantenimento della marcia in corsia) ed Emergency Call sono di serie sin dalla versione Style, l'allestimento di partenza (Xcellence il nome dello step più lussuoso). A richiesta, ecco anche Adaptive Cruise Control, Traffic Jam Assist (marcia in colonna), sorveglianza angolo cieco, riconoscimento segnali stradali, inoltre due primizie assolute per Seat come Pre-Crash Assist (pretensiona le cinture e chiude i finestrini in caso di impatto imminente) e Rollover Assist (spegne il motore e sblocca le portiere nella malaugurata ipotesi di un cappottamento).

PREZZO La Seat Tarraco si è dimostrata un SUV davvero polivalente, capace di garantire alto comfort per 7 occupanti, districarsi nel traffico agilmente grazie allo sterzo leggero e motore brioso camuffando la propria lunghezza e offrendo una dotazione davvero completa, praticamente da auto premium. Il suo listino parte da 29.975 euro scegliendo la motorizzazione 1.5 benzia TSI in allestimento Style con le due ruote motrici. La versione in prova, invece, parte da 42.975 euro  con il 2.0 litri TDI da 190 e la trazione integrale 4Drive, cambio automatico DSG in allestimento Xcellence. Non scordatevi che Tarraco nasce a 5 posti... per averne 7 bisogna aggiungere 815 euro!

 

 

 

 

 

 


TAGS: seat prova su strada seat tarraco