Autore:
Marco Rocca

E’ più grossa e alta della Giulia ma ha la stesso micidiale sex appeal. Dallo specchietto non lo confonderesti con nessun altro SUV. E’ l’Alfa Romeo Stelvio che, dopo la Giulia, ha monopolizzato le conversazioni al bar. Il suo obiettivo? Rubare clienti ai marchi premium come Audi, BMW, Mercedes e Jaguar e fidelizzare gli alfisti. E’ arrivato sul mercato da qualche mese, ora è il momento di rispondere alla vostre domande.

CI CHIEDETE: CI STA IN BOX?

Per rispondere iniziamo dalle misure. Il primo SUV nel listino prezzi listino prezzi Alfa Romeo, la Stelvio, è lunga esattamente 4 metri e 69 cm, diciamo come una Mercedes Classe C per avere un termine di paragone. Se il vostro box non è quello di 50 anni fa nessun problema. Qualche grattacapo, semmai, potrebbe arrivare dalla larghezza: la Alfa Romeo Stelvio è larga 1 metro e 90 cm senza considerare gli specchi (che comunque si richiudono), non è pochino. Quindi prendete bene le misure. L’altezza di un 1 e 67 cm non dovrebbe creare particolari problemi per la maggior parte di box e garage.

GLI INTERNI SONO QUELLI DI UN'AUTO PREMIUM?

Iniziamo col dire che l’arredamento dell’abitacolo della Alfa Romeo Stelvio è quello della nuova Alfa Giulia. I materiali sono di buona qualità e il montaggio è curato. La parte alta della plancia è morbida. Fanno una gran figura anche le cuciture sulla pelle e gli inserti in alluminio lavorato sono molto piacevoli al tatto. Di qualità anche la pelle dei sedili. La plastica della parte bassa della plancia, invece, diventa un po’ più croccante. Non male le tasche delle portiere rivestite in moquette antirumore, più grandi rispetto a quelle della nuova Giulia. Proprio rispetto a quest’ultima ho trovato migliore il feedback della rotellona centrale e più in generale dei comandi. Mentre è rimasta stranamente tagliente la leva del cambio.

LA STELVIO SOSTITUISCE LA GIULIA WAGON?

Qualche tempo fa ci avete scritto, dopo la prova della Alfa Romeo Giulia (che se non avete visto vi invito a vedere alla fine di questo video) se Alfa avrebbe mai fatto anche una versione wagon. Sappiate che la “wagon” della Giulia è la Stelvio. Del resto il mercato chiama a gran voce i SUV e Alfa risponde. 

IL BAGAGLIAIO E' SUFFICIENTEMENTE GRANDE PER UNA FAMIGLIA? 

Niente paura ragazzi, la cubatura del baule della nuova Alfa Stelvio mette sul piatto 525 litri. Certo, la triade tedesca (Audi Q5 - Mercedes GLC - BMW X3) fa qualcosina meglio ma nel complesso il bagagliaio della Alfa Romeo Stelvio è ben rifinito, c’è moquette ovunque e gli schienali posteriori si reclinano 40-20-40. Non manca anche la botola per gli sci. Non ci sono scalini che complicano lo stivaggio dei bagagli e non mancano ganci per attaccare le buste della spesa. Occhio però al passeggino. Prendete le misure perché potreste avere qualche problema in larghezza.

C'E' SOLO INTEGRALE?

La Stelvio sfrutta la trazione integrale Q4 mutuata dalla Alfa Romeo Giulia Veloce. Una trazione 4x4 che predilige sempre il posteriore e che solo in caso di perdita di aderenza sposta la coppia anche sull'asse anteriore, fino a un massimo del 60%. In listino, però, c'è anche una versione a sole due ruote motrici (quelle posteriori, ovviamente). 

SI PUO' AVERE CON IL CAMBIO MANUALE?

No. La Alfa Romeo Stelvio è equipaggiata esclusivamente con il cambio automatico ZF a 8 rapporti che, a onor del vero, lavora un gran bene. Le palette dietro al volante, in alluminio ricavato dal pieno e solidali con il piantone dello sterzo, si pagano a parte 300 Euro.  

COM'E' L'ABITABILITA' POSTERIORE? 

La linea quasi da coupé non deve ingannare. Anche chi è sopra la media non toccherà con la testa il tetto sulla nuova Alfa Stelvio. Tre adulti viaggiano comodi anche se il tunnel centrale non proprio fra i più bassi, può causare qualche grattacapo a chi siede in mezzo ma nulla di grave. In più, non mancano bocchette d'aria regolalibili singolarmente

SI GUIDA DAVVERO COME LA GIULIA?

La risposta è si. La Alfa Romeo Stelvio è molto agile, precisissima di sterzo e con assetto superbo. Ma se volete sapere davvero come va, date un occhio alla mia prova su strada della Alfa Romeo Stelvio. 

CHE VERSIONE SCEGLIERE?

Se non fate molta strada potreste pensare anche al benzina 2.0 Turbo da 200 cv. Silenziosissimo, non paga il superbollo come l’altro benzina da 280 cv. Ma si sa, il diesel va per la maggiore. Il 2.2 Turbodiesel da 180 cavalli può bastare. La trazione integrale? Pensate alla Alfa Romeo Stelvio Q4 solo se ne avete davvero bisogno. L’allestimento? Super con qualche accessorio in più.

CI SONO OFFERTE SULL'ACQUISTO? 

Interessante sapere che Alfa Romeo in collaborazione con i concessionari applica la supervalutazione dell’usato premium. Mediamente il contributo si aggira intorno ai 5.000 Euro. Per l’usato non premium la supervalutazione scende mediamente a circa 3.500 Euro. Avete altre domande? Scrivete qui sotto nei commenti. 


TAGS: alfa romeo suv premium le vostre domande Alfa Romeo Stelvio stelvio