Autore:
Simone Dellisanti

NEW ENTRY E' passata solo una settimana dallo scambio Kvyat-Verstappen che già il piccolo Olandese Volante ha rilasciato le sue prime entusiastiche dichiarazioni, per il passaggio alla casa madre dei bibitari.

GIOVANE IMPAZIENTE Max Verstappen non sta più nella pelle e non vedel'ora di guidare la sua nuova monoposto nel prossimo Gran Premio che avrà luogo sul Circuito di Catalogna, dimostrando comunque di sapere molto bene che: "Ho molto lavoro da fare prima della gara, devo studiare bene la macchina per conoscerla al meglio, ma fortunatamente, il tracciato spagnolo lo conosco molto bene perché ci ho guidato più volte".

IDEE CHIARE Il talento olandese ha sottolineato come in gara sarà di assoluta importanza avere una buona velocità da sfruttare sul rettilineo principale e sulle curve 3 e 9, entrambe da percorrere ad alta velocità per essere competitivi, dichiarando, inoltre, come l'interpretazione dell'ultimo settore farà la differenza tra una buona e una scadente performance, visto che è molto tecnico e sicuramente metterà a dura prova le gomme.

SOTTO UN'ALA PROTETTIVA Nonostante la giovane età, Max sembra già avere la testa sulle spalle, dimostrando oltre al talento anche una buona maturità. La domanda è: riuscirà a sostenere la grande pressione che, inevitabilmente, gira intorno ad uno dei team più importanti del Circus della F1? Sicuramente papà Jos sta cercando di smorzare l'attenzione mediatica, spegnendo momentaneamente le insistenti voci che vedevano Max nelle mire di Ferrari e Mercedes per la prossima stagione, annunciando come suo figlio resterà alla Red Bull a lungo, forte di un contratto che lo legherà alla scuderia di Milton Keynes per molto tempo, anche dopo questo periodo di apprendistato.


TAGS: ferrari mercedes red bull f1 gp spagna daniil kvyat daniel ricciardo milton keynes jos verstappen