Autore:
Simone Dellisanti

RICCIARDO SORPRENDE Va in archivio il Gran Premio di Monaco, sesto appuntamento del campionato di Formula Uno 2018, con il sorriso di Ricciardo stampato a trentadue denti sul podio monegasco, mentre la Red Bull viene bagnata di champagne proprio lì sotto al pilota australiano. Dopo la Cina, Ricciardo conquista anche Montecarlo, alla faccia del suo scomodo compagno di team, Verstappen, eguagliando le vittorie di Vettel (2) e Hamilton (2) in questo campionato e proponendosi come terzo incomodo per la vittoria finale. Se la Red Bull di Daniel "smile" Ricciardo continua ad essere così veloce, sarà una bella spina nel fianco di Mercedes e Ferrari.

VETTEL ROSICCHIA Ma la Ferrari? Con il secondo posto Vettel è riuscito a rosicchiare tre punti di classifica importanti a Hamilton, il leader della classifica del Mondiale. "Credo che il passo per provare a vincere lo avessimo - è stato il commento di Vettel alla fine del GP - ma la gara è stata complicata. Nel primo stint riuscivo a seguire Ricciardo, poi ho visto che le gomme si consumavano rapidamente. Nello stint successivo lui ha avuto un problema al motore, poi si è ripreso. Avrei provato a superarlo alla fine, ma non è stato possibile, il secondo posto posto è comunque un buon risultato per noi".

RAIKKONEN SI ANNOIA L'altro ferrarista Kimi Raikkonen non si è mai sentito in lizza per le primissime posizioni e non ha mancato di sottolinearlo. "La mia gara è stata molto noiosa, abbiamo seguito chi ci stava davanti e non abbiamo avuto possibilità di fare sorpassi. Non abbiamo potuto attaccare, abbiamo fatto il massimo, ma è andata così".


TAGS: ferrari mercedes vettel Raikkonen Hamilton ricciardo redbull f1 2018