Le prime foto ”rubate” sulla pista di Balocco l’avevano svelata in tutta la sua completezza. Restava solo un piccolo dubbio, alimentato da Torino per tamponare la fuga di notizie: è ancora un prototipo si diceva. Niente di più falso, ovviamente. Eccola l’Alfa GT Coupé, come l’avevamo vista ma con in più la conferma ufficiale Alfa Romeo.

La base è quella della 156, rivista dal Centro Stile Bertone nel disegno del frontale con i fari simili a quelli della 147 e con un grande scudetto stilizzato integrato nella fascia paracolpi. I parafanghi sono muscolosi e la fiancata è segnata in basso da una marcata minigonna, con un tetto ben disegnato e un accenno di coda che si apre in un pratico portellone. Una bella Alfa, sportiva ma da tutti i giorni, con un abitacolo spazioso e un bagagliaio da sport wagon.

Le dimensioni sono da compatta, con una lunghezza di 4,48 metri, una larghezza di 1,76 e 1,39 di altezza. Il passo di 2.596 millimetri parla di un buon comfort per gli occupanti. La coda è rastremata, con un paraurti integrato di grandi dimensioni, il lunotto a goccia e i gruppi ottici tagliati orizzontalmente che si dipanano fino a penetrare nella fiancata.

Tre i motori: il 1.8 T. Spark da 140 CV, il 2.0 JTS da 165 CV e il 1.9 JTD Multijet 16v da 140 CV. Sarà disponibile anche una versione GTA con il 3.2 V6 24 valvole da 250 CV già visto sulle 147 e 156 omonime.

Il debutto a Ginevra, le prime vendite a fine anno.


TAGS: alfa gt coupé PREMI: L'auto più bella del mondo