primo contatto
Nuova Mazda CX-5 2017: il SUV dei samurai di classe
13 0
Autore:
Marco Congiu

MAI DIRE BANZAI Jinba Ittai, Hiroshima, Kodo Design. Sono parole che, ad un profano dell'auto, non vorranno dire poi molto, salvo qualche reminiscenza storica legata a luoghi tristemente famosi. Eppure, Mazda ha voluto portare due concetti all'estremo, il Jinba Ittai ed il Kodo Design, per renderli la forza trainante della auto che escono dalla sede di Hiroshima. E quale modello migliore della nuova CX-5 poteva portare con sé questi attributi? Vediamo di conoscere da vicino questo SUV con cui il marchio punta ad una decisa - e, per certi versi, riuscita - naturale evoluzione nel settore premium. 

ELEGANTE COME UNA KATANA Esteticamente non è corretto parlare di rivoluzione nel design, dando un primo sguardo alla nuova Mazda CX-5. Il Kodo Design, vanto di fabbrica, su questa sport utility si evolve naturalmente, mantenendo quasi intatti quei capisaldi che ne hanno segnato il buon riscontro di pubblico nel nostro paese con oltre 12.000 unità vendute. Lunga 4,55 metri per 1,84 di larghezza e 1,68 di altezza, quest'auto si posiziona nel cuore dei SUV di segmento D, offrendo sicuramente una ventata di aria fresca - e diversa - rispetto adl alcune forme che sanno tanto di "già visto". I fari a LED sono più piccoli, taglienti e puliti rispetto alla CX-5 del 2012, mentre la presa d'aria frontale aumenta nelle dimensioni, ricevendo una pregevole cornice cromata che non stona affatto nell'insieme. Bella la proflatura del cofano, molto spiovente, mentre lateralmente spiccano pneumatici da 19". Il posteriore è impreziosito da fai a sviluppo orizzontale, ben sagomati e profilati. Insomma, si capisce che il Kodo Design della Mazda CX-5 2017 mi ha convinto?

INTERNI: MIX DI PELLE E PLASTICA Nulla fa davvero un'auto premium come la sensazione di accuratezzza e ricercatezza degli interni. È qui che, giustamente, guidatore ed occupanti devonoe  vogliono sentirsi coccolati, al centro dell'attenzione. Ed è proprio questo il significato di "Jinba Ittai". Con questa filosofia, Mazda vuole riportare al centro dell'attenzione il guidatore, facendolo sentire importante, quasi un tutt'uno con la nuova CX-5. Sforzo ammirevole, senza ombra di dubbio, e per certi versi riuscito. Mi piace sentire il profumo della pelle che riveste sedili, plancia e volante, anche se trovo quella che ricopre quest'ultimo elemento un po' cheap, destinata a graffiarsi quando nostra moglie sale in auo dopo essere appena uscita dalla manicure. Il display dell'infotainment, non troppo grande anche se rivisto, odora un po' di salotto della nonna: bello, molto interessante e ben riuscito, ma un po' indietro con l'offerta della diretta concorrenza, sia per quanto riguarda la grafica che per la ricezione dei segnali GPS, oltre all'assenza di Apple CaPlay e Android Auto. Anche se, va detto, che con il sole della Puglia a mezzogiorno sopra la mia testa, si vedeva benissimo... Per chi sta seduto dietro ed è "fuori scala" con le dimensioni come me, la comodità c'è - e non poteva essere altrimenti, dato che il passo è stato aumentato a 2,4 metri complessivi - e anche per i lunghi trasferimenti c'è sempre modo di trovare la giusta comodità. Ampio e capiente il vano bagagli, che parte da una capacità di carico di 477 litri con il divano in posizione standard e che tocca i 1.620 litri - identica capacità della CX-5 precedente - quando abbattiamo lo schienale.

DIVERTENTE MA NON FRIZZANTE Scelgo di salire sulla Mazda CX-5 2017 spinta dal 2.2 SkyActive D da 150 CV. È una delle due unità destinate a fare i maggiori volumi nel nostro mercato, insieme al gemello da 175 CV. Vuoi per la pastosità, vuoi per i consumi tuttosommato parchi - con aria condizionata impostata su "Polo Nord" e un'andatura da codice della strada, sono stato in grado di percorrere agilmente i 16 km con un litro di gasolio - mi viene proprio da pensare che se mai dovessi acquistar una Mazda CX-5, senza ombra di dubbio valuterei proprio questa. Ma non è tutto oro quel che luccica, e adesso vi spiego il perché. Gli ingombri sono facilmente riconoscibili anche in fas di manovra - quindi, problema parcheggio risolto - mentre alla guida la nuova CX-5 si comporta esattamente come un SUV, vale a dire sterzo molto morbido, adatto a non stancare chi lo tiene tra le mani, ma un pelo troppo poco comunicativo alle basse velocità. La sensazione che ne ho ricavato è stata quella di un'auto leggera andando sotto i 50 km/h: è un bene? È un male? Vedremo cosa ci dirà il mercato. Buona la risposta del motore, sempre pronto anche quando devo lanciarmi nel classico sorpasso della famigliuola di camperisti tedeschi in viaggio a Gallipoli a trovare la nonna. 

AIUTI ALLA GUIDA: DI TUTTO UN PO' La nuova Mazda CX-5 non rivoluziona il mondo degli assistenti alla guida. Al nostro servizio abbiamo il rilevatore degli angolo ciechi, il cruise control adattivo - dal funzionamento immediato e intuitivo, va detto, rispetto ad altri modelli della concorrenza - la frenata automatica d'emergenza ed il lane keep assist. Insimma, un'offerta al passo coi tempi e con le principali rivali.

BELLA, BRAVA, LA COMPREREI? Ve lo dico in tutta sincerità: trovo che la nuova Mazda CX-5 2017 sia una vettura davvero riuscita sotto il profilo estetico. Il Kodo Design la fa spiccare nel segmento di appartenenza e, se non badassi troppo al lato emozionale e prestazionale della guida, senza dubbio la inserirei nella mia wishlist. I prezzi partono da 28.150 euro per la CX-5 a benzina e due ruote motrici in allestimento Evolve, fino a toccare gli oltre 40.000 euro per la CX-5 150 CV SkyActive D 4WD. Non male, per un'auto che, a tutti gli effetti, possiamo iniziare a considerare davvero premium.


TAGS: mazda suv mazda cx-5 nuova mazda cx-5 suv mazda

Modello / Versione MY Potenza Prezzo
Mazda CX-5 2.0 Skyactiv-G 165 cv 2WD Evolve MY 2017 165 Cv / 121 Kw 28.150 €
Mazda CX-5 2.2L Skyactiv-D 150 cv 2WD Evolve MY 2017 150 Cv / 110 Kw 30.150 €
Mazda CX-5 2.0 Skyactiv-G 160 cv 4WD Exceed MY 2017 160 Cv / 118 Kw 31.750 €
Mazda CX-5 2.2L Skyactiv-D 150 cv 4WD Evolve MY 2017 150 Cv / 110 Kw 33.750 €
Mazda CX-5 2.2L Skyactiv-D 150 cv 2WD Exceed MY 2017 150 Cv / 110 Kw 33.800 €
Mazda CX-5 2.0 Skyactiv-G 160 cv 4WD Evolve MY 2017 160 Cv / 118 Kw 34.100 €
Mazda CX-5 2.2L Skyactiv-D 150 cv 4WD Exceed MY 2017 150 Cv / 110 Kw 36.100 €
Mazda CX-5 2.0 Skyactiv-G 160 cv 4WD Exclusive MY 2017 160 Cv / 118 Kw 36.400 €
Mazda CX-5 2.2L Skyactiv-D 175 cv 4WD Exceed MY 2017 175 Cv / 129 Kw 36.700 €
Mazda CX-5 2.5 Skyactiv-G 194 cv 4WD aut. Exceed MY 2017 194 Cv / 143 Kw 37.100 €
Mazda CX-5 2.2L Skyactiv-D 150 cv 4WD Exclusive MY 2017 150 Cv / 110 Kw 38.400 €
Mazda CX-5 2.2L Skyactiv-D 175 cv 4WD Exclusive MY 2017 175 Cv / 129 Kw 39.850 €
Mazda CX-5 2.5 Skyactiv-G 194 cv 4WD aut. Exclusive MY 2017 194 Cv / 143 Kw 40.250 €
3
Test drive
Mazda CX-3: la prova
Mazda CX-3: la prova su strada

La prova su strada della Mazda CX-3, suv compatto della Casa giapponese mosso dal 1.5 diesel da 105 cv

40 0
3
Prova video
Mazda MX-5 RF vs. Subaru BRZ 2017: il confronto in pista

Mazda MX-5 RF con tetto rigido e Subaru BRZ 2017 a confronto in pista

1 45 0
Back To Top