Autore:
Simone Dellisanti

SEGMENTO B O UTILITARIE In molti le conoscono come Segmento B (è stata la Commissione Europea a chiamarle in questo modo) ma a noi italiani piace chiamarle utilitarie. Comunque le vogliate nominare, da parecchio tempo a questa parte, sono queste auto le vere regine del mercato, con una quota che in Italia supera di slancio il 36 per cento. Lunghe attorno ai 4 metri, con carrozzeria a due volumi.

FORD C'E' Tra queste rientra la Nuova Ford Fiesta che nella nuova versione mantiene le linee sportive ma resta sempre, allo stesso tempo sobria. Niente fronzoli quindi. La nuova Ford Fiesta trascura effetti speciali come la verniciatura bicolore per lasciare spazio a soluzioni più pratiche, come le ampie vetrature che riducono all'osso l'angolo cieco dei montanti del parabrezza. Una caratteristica che ho imparato ad amare nella guida in città. Con i montanti più sottili è stato più semplice vedere gli ostacoli davanti a me, soprattutto nelle viuzze più strette della città.

A BORDO Anche a bordo il look è serioso e nelle versioni top di gamma guadagna un sapore hi-tech grazie alla presenza dello schermo touchscreen da 8 pollici del sistema di infotainment Sync-3, che diventa l'elemento stilistico dominante all'interno dell'abitacolo. L'impianto di infotainment Sync ha abbandonato la vetusta struttura fatta di tasti fisici posizionati sulla plancia e uno schermo molto più piccolo di quello del mio smartphone per abbracciare la terza versione del Sync Ford, scevra di complessi sottomenu e caratterizzata invece da una interfaccia semplice e intuitiva. Il Sync 3 è compatibile con Apple CarPlay e Android Auto. A bordo abbondano le plastiche ma bisogna ammetterlo, la qualità costruttiva è davvero buona.

LE MISURE La Ford Fiesta è una delle poche auto del Segmento B a essere proposta sia in versione a 5 porte sia in versione a 3 porte. La sua lunghezza è ai vertici della categoria: i suoi 4 metri e 4 centimetri si traducono in uno spazio a bordo decoroso, anche se non è tra le più generose con chi siede dietro. Sui sedili posteriori i passeggeri viaggiano tranquilli ma non c'è tantissimo spazio per le ginocchia e può essere che i vostri ospiti vi chiedano una pausa, durante i viaggi più lunghi, per sgranchire le gambe. Perfettamente allineata alla media del settore è la capacità del bagagliaio, che va da 303 a 984 litri, reclinando i sedili posteriori.

AIUTI ALLA GUIDA Quanto a tecnologia, la Ford Fiesta è una compatta con dotazioni da grande: la lista degli aiuti alla guida conta ben 16 voci, tra cui spiccano la frenata automatica d'emergenza (non compatibile, però, con il cambio automatico) e il parcheggio semi-automatico, il mantenimento di corsia, il cruise control adattivo e il monitoraggio del traffico laterale.

ALLA GUIDA Della Fiesta colpisce subito lo sterzo, che è rapido, preciso e mi dà un'ottima sensazione di controllo. Il tre cilindri della versione in prova non è da meno: l'EcoBoost a benzina turbo da 100 CV e 170 Nm ha una risposta pronta, anche se il cambio automatico non si è rivelato sempre puntuale. Molto spesso ho dovuto richiamare la marcia giusta con il paddle al volante. I consumi sono attorno a 7,2 l/100 km, dice il computer di bordo ma se avete il piedino pesante il consumo salirà anche sugli 11, 12 l/100 km. In viaggio si apprezzano l'abitacolo ben insonorizzato e l'assetto: sostenuto, sì, ma anche efficace nell'assorbire dossi e buche.

LISTINO E i prezzi? Sul mercato la Ford Fiesta è disponibile a partire da 14.250 euro ma la Fiesta in mio possesso, quindi nella versione Titanium, con Griglia anteriore-superiore e linee di cintura cromate, Touchscreen 6,5’’ abbinato al Sync 3, Lane Keeping Aid e cerchi in lega da 16", il prezzo salirà a 26.050 euro. Per vedere come si comporta la Ford Fiesta a confronto con le alte compatte, guarda la nostra video comparativa.


TAGS: ford fiesta fiesta test drive ford ecoboost 1.0 ford fiesta 1.0 100CV speciale compatte