Autore:
Dario Paolo Botta

LA GUIDA AUTONOMA IN ITALIA Finalmente ci siamo, anche il nostro paese si prepara ad accogliere sulle sue strade veicoli a guida autonoma. A darne l’annuncio, il Ministro Toninelli in persona con un post su Facebook. Il Ministero dei Trasporti ha infatti dato il via libera alla sperimentazione delle vetture senza conducente in ambito urbano, a Torino e Parma. Si tratta di un’autorizzazione che arriva direttamente dalla Direzione generale motorizzazione del Ministero, che segue il via libera dato dall’Osservatorio tecnico per le smart road. L’Osservatorio è stato istituito a giungo, con il compito di accelerare lo sviluppo di tecnologie per le nuove forme di mobilità. Si punta dunque a rivoluzionare l’aspetto delle città, reinterpretando la concezione del trasporto umano.

DI COSA SI TRATTA? Per il momento parliamo solo di sperimentazione, circoscritta alle due sole città di Torino e Parma. Il tutto dovrà avvenire nel rispetto delle norme prescritte dal gestore stradale, su tratti stradali dedicati e con la presenza di un supervisore a bordo del veicolo. Un tecnico dovrà essere presente durante la marcia, così da poter intervenire in caso di problemi e malfunzionamenti: è la prassi comune adottata anche all'estero per questo tipo di sperimentazione. I vincoli non finiscono qui, le uniche vetture autorizzate a scorrazzare per le strade delle due città saranno quelle dell’azienda parmense VisLab.

VISLAB APRIPISTA Come detto gli unici veicoli a guida autonoma a cui sarà consentita la circolazione saranno quelle dell’emiliana VisLab, la sola ad aver richiesto l’autorizzazione al Ministero. Si tratta di una società fondata nel 2009 dal Professor Alberto Broggi, acquisita nel 2015 dalla californiana Ambarella, multinazionale della Silicon Valley quotata a Wall Street.

PROGETTO TUTTO ITALIANO VisLab nasce da un’idea sbocciata nelle aule dell’Università di Parma nei primi anni novanta. VisLab si è dimostrata all’avanguardia nel settore del self-driving con progetti avveniristici, in anticipo di anni rispetto ai giganti californiani. Già nel 1998, Broggi a bordo di una Lancia Thema robot percorse diversi chilometri lungo l’autostrada del sole. Il progetto ribattezzato Argo fu un vero successo, l’auto guidò in autonomia per più del 90% del viaggio. Il futuro sembra finalmente arrivato anche in Italia, ma quanto tempo ancora dovremo aspettare prima che la guida autonoma diventi una realtà alla portata di tutti?


TAGS: guida autonoma Ministero dei Trasporti mobilità del futuro C.d.S guida autonoma italia