Pubblicato il 24/08/20

APP IN AUTO Le app per muoversi in auto nel traffico (qui trovate le migliori, sia per iOS che per Android) sono sempre più sofisticate e precise, e tra le caratteristiche che ormai diamo per scontate ci sono gli aggiornamenti in tempo reale su code, incidenti, e il calcolo automatico del percorso che permette di raggiungere la destinazione desiderata nel minor tempo possibile.

REALTÀ AUMENTATA La nuova frontiera, quella nella quale si giocheranno le novità più rilevanti nel prossimo futuro, è la realtà aumentata, ossia la possibilità di proiettare, direttamente le indicazioni stradali direttamente sulle immagini del mondo, così come riprese dalla fotocamera del telefono. Google Maps offre già una funzionalità analoga per quando ci si muove a piedi, ma non per quando ci si trova al volante della propria auto. Ed è qui che entra in ballo Gaode, la prima app per smartphone a offrire la realtà aumentata nella navigazione in macchina.

Gaode: la realtà aumentata per navigare in auto

IN SOVRAIMPRESSIONE Sviluppata da AutoNavi, società di servizi di navigazione cinese, Gaode sfrutta la telecamera posteriore del telefono per riprendere la strada, e sovrapporre in tempo reale tutte le informazioni di navigazione, ma anche la segnaletica stradale ed eventuali alert in caso di traffico o incidenti. Nella parte destra dello schermo è comunque riportata la tradizionale mappa con vista dall’alto, con un’interfaccia simile a quella di Google Maps.

I RISCHI L’idea ha un suo fascino, e sicuramente rende più semplice la navigazione, specialmente nelle zone con una topografia complessa, nelle rotonde o in passaggi poco comprensibili a chi li affronta per la prima volta, ma c’è un aspetto molto importante da tenere in considerazione: una soluzione di questo genere porta a distrarsi molto di più, perché finisce inevitabilmente per catalizzare l’attenzione del conducente sullo schermo del telefono, più a lungo di quanto non si faccia normalmente con le app di navigazione che usiamo attualmente. Con il rischio, concreto, di non vedere (perché coperti dall’overlay, o semplicemente perché stiamo guardando le indicazioni) ostacoli, semafori o addirittura pedoni o ciclisti.

NE ARRIVERANNO ALTRE Disponibile solo per il mercato cinese, la versione con la realtà aumentata di Gaode si trova solo per Android, mentre quella per iOS è in fase di sviluppo. Quello di AutoNavi non è l’unico caso, comunque: alcune case stanno già aggiornando i propri navigatori per mostrare sullo schermo dell’infotainment le immagini riprese dalle telecamere dell’auto, e proiettare su di esse le indicazioni di guida. Inevitabile che, nel prossimo futuro, questa tecnologia prenderà sempre più piede. A patto di renderla sufficientemente sicura, si intende.


TAGS: navigatore tomtom android mappe waze ios google maps autonavi Gaode