Autore:
Emanuele Colombo

COME FUNZIONA Low Cure clear coats, è questo il nome dell'innovativo sistema di verniciatura impiegato alla Ferrari: la casa di Maranello è la prima al mondo ad adottarlo. Sviluppato grazie alla collaborazione con PPG, la verniciatura a bassa temperatura funziona grazie a una nuova vernice bicomponente che si asciuga già a 100 gradi invece che a 150.

I VANTAGGI PER L'AMBIENTE... Il nuovo processo richiede meno energia: un chiaro vantaggio in termini di sostenibilità ambientale (e di costi industriali). Un ulteriore passo in avanti che segue l'introduzione, già dal 2004, di vernici a base d'acqua, meno inquinanti. Combinando la vernice base metallica con un trasparente colorato - lucido o opaco – è possibile ottenere non meno di 61 tinte diverse: una caratteristica particolarmente importante per i clienti Ferrari (qui la nostra prova della 812 Superfast).

E QUELLI PER IL CLIENTE Vantaggi anche per il cliente, che beneficia di una verniciatura più resistente per una lucentezza che dura di più nel tempo: grazie a un nuovo additivo indurente. Dal punto di vista tecnico, la nuova formula “aumenta la capacità di reticolazione consentendo un aumento della idrofobicità chimica e una diminuzione della permeabilità all'acqua”. In pratica, permette di verniciare componenti in fibra di carbonio e compositi insieme al corpo vettura, garantendo l'uniformità del colore.

 

 


TAGS: ferrari ferrari verniciatura a bassa temperatura ferrari low cure clear cotes