Pubblicato il 20/10/20

DISTACCO EVIDENTE Per quanto produca i telefonini più venduti al mondo (o almeno così ha raccontato Tim Cook nella conferenza di presentazione degli iPhone 12), Apple è rimasta indietro nella “corsa alle mappe” di questi ultimi anni, e sta ancora pagando un sostanziale distacco rispetto a Google, che con Google Maps e Waze è l’indiscusso leader di mercato.

Apple Mappe

SI PARTE DALL’ITALIA Cupertino sta però correndo ai ripari: con l’ultimo aggiornamento di iOS 14 sono stati introdotti, per esempio, i percorsi per le biciclette, che però in Italia non ancora operativi. Ed è proprio dal nostro paese che parte la nuova “offensiva” di Apple: dal prossimo novembre saranno infatti svolti nuovi rilievi sul territorio italiano, con l’obiettivo di migliorare e aggiornare le mappe dei dispositivi Apple.

IL BEL PAESE I rilevamenti partiranno dal prossimo mese di novembre e, se i tempi saranno rispettati (un’incognita di non poco conto, in questo periodo), dovrebbero terminare entro il mese di gennaio, quando verranno poi inseriti nel database delle mappe e messi a disposizione degli utenti. Tra le località interessate dall’aggiornamento ci sono Sicilia, Sardegna, Lombardia, Lazio e Toscana. Sul sito ufficiale è possibile anche vedere in dettaglio le singole città visitate dai tecnici Apple.

Le auto di Apple Mappe durante i rilievi

ANCHE NELLE ZTL Come si legge sul sito di Apple, verranno controllate da capo “alcune località per raccogliere nuovi dati”, anche in zone non accessibili al traffico: Apple sta infatti svolgendo rilievi con sistemi portatili in zone pedonali selezionate. In alcuni casi verrà utilizzato un “sistema di raccolta di informazioni con zaino per raccogliere dati che potranno essere utilizzati direttamente Mappe Apple, altri utilizzano invece iPad, iPhone o altri dispositivi per raccogliere dati al fine di migliorare le mappe. Questi rilievi pedonali permettono di migliorare e aggiornare Mappe Apple in zone in cui i veicoli non possono accedere”.

ATTENZIONE ALLA PRIVACY La casa di Cupertino presta molta attenzione alla privacy dei suoi utenti, come sottolineano tutte le ultime campagne promozionali, e le sue mappe non fanno eccezione: nella raccolta dei dati verranno resi irriconoscibili volti e targhe presenti nelle immagini pubblicate nella modalità Panoramica. Se qualcosa sfugge (per esempio una targa o un’abitazione), è possibile contattare gli sviluppatori per correggere il problema.


TAGS: iphone waze google maps Apple Mappe