Pubblicato il 01/03/21

Il 2006 è un anno che, noi italiani, ricordiamo benissimo. Almeno calcisticamente parlando. Ma mentre l’Italia era Campione del Mondo, in Italia – precisamente a Milano – Honda presentava quello che sarebbe diventato un vero Campione della sua categoria: l’SH 300. Dopo 15 anni e centinaia di migliaia di esemplari venduti, è tempo del più potente, più ecologico e più tecnologico SH350i.

Honda SH350i: la prova

DESIGN

Honda SH350i: la prova

Quando si parla di scooter a ruota alta è impossibile non pensare all’SH, è un modello che non ha praticamente bisogno di presentazioni. Il 125 e il 150 hanno venduto più di qualsiasi altro scooter o moto in Italia 2020. Ma ciò che più impressiona è che il 350, che è arrivato da poco nei concessionari, è già lo scooter più venduto della sua categoria. Una formula magica che parte da un look inconfondibile, nonostante completamente rinnovato rispetto a prima. Il design si presenta con linee tese e muscolose, che si rifanno ai fratelli minori. Sullo scudo c’è un gruppo ottico a LED sdoppiato, con la luce di posizione posta sul manubrio. Il fanale posteriore, anch’esso a LED, integra le luci di direzione che si accendono per segnalare un’eventuale frenata d’emergenza. Più levigata di prima la fiancata, che nella parte posteriore accoglie elegantemente le maniglie del passeggero e la piastra del bauletto in alluminio.

PRATICITÀ

Honda SH350i 2021: il vano sottosella

Alla voce praticità, il nuovo SH350i non si fa cogliere impreparato. Il vano sottosella può sempre accogliere un casco integrale ed è affiancato dal serbatoio da 9,1 litri. Il piccolo vano nel retroscudo è un ottimo “svuota tasche” mentre la pedana piatta – larga 43,5 cm – è utile per ospitare la borsa della palestra o una cassa d’acqua. Se avete due caschi integrali, nessun problema: di serie c’è il bauletto da 35 litri con apertura smart key, la chiave elettronica di serie sul nuovo SH350.

TECNOLOGIA

Honda SH350i 2021: la strumentazione LCD

E parlando di tecnologia, sparisce il quadro strumenti analogico per il più moderno display LCD prelevato dagli SH di minor cubatura, con informazioni chiare e complete. Allo schermo più grande ne è abbinato uno più piccolo, dal quale si può gestire l’attivazione o la disattivazione dell’Honda Selectable Torque Control. Attenzione a considerare l’HSTC un semplice controllo di trazione: quando la ruota posteriore perde trazione, il sistema di Honda riduce la coppia motrice intervenendo direttamente sull’iniezione del carburante. Il risultato è un intervento molto fluido e naturale. Non c’è invece nessun tipo di connettività per lo smartphone, ma se dovete caricarlo ora potete trovare la presa USB-C nel vano sottosella.

MOTORE

Honda SH350i: la prova

Da 300 a 350. L’SH non solo cresce di 50 nel nome, ma anche nella cubatura: 279 cc prima, 330 cc adesso. Questo grazie a nuove misure di alesaggio e corsa (da 72 x 68,5 mm a 77 x 70,7 mm), il rapporto di compressione invece è di 10,5:1. L’Euro5 ha abbattuto del 40% le emissioni, ciononostante le performance sono decisamente migliorate: i 25,2 CV e 25,5 Nm dell’SH300 sono rimpiazzati dai 29,4 CV e da 32 Nm del nuovo motore eSP+. Un risultato ottenuto anche aumentando le dimensioni del corpo farfallato (da 34 a 36 mm) e delle valvole d’aspirazione (da 27 a 28 mm). Nuovo anche il terminale di scarico a 2 camere anziché 3. Il motore dell’SH350i non è un semplice monocilindrico con variatore, ma presenta soluzioni tecniche che ritroviamo anche sulla CBR1000RR-R Fireblade o sul CRF450R. Qualche esempio? Un nuovo getto dell’olio sotto al pistone che permette di anticipare l’accensione e aumentare l’efficienza del motore. Oppure, la catena di distribuzione con tenditore idraulico e una pompa di recupero, che riduce l’agitazione dell’olio motore e diminuisce le perdite da pompaggio.

CICLISTICA

Honda SH350i: la prova

Il telaio dell’SH350i è stato completamente rivisto rispetto a quello del suo predecessore. I tubi in acciaio sono stati riprogettati, lo spessore delle piastre e dei rinforzi del telaio sono stati studiati per migliorare la stabilità e il comfort ad alte velocità. Grazie a questi interventi, il telaio è più leggero di 1 kg. Ma non è tutto: rispetto al vecchio 300, l’SH 350 è più corto (-29 mm), ha un passo più lungo (+14 mm), è più basso (-32 mm), è più alto da terra di 27 mm ma la sella resta sempre alta 805 mm dal terreno. La ciclistica si completa con pneumatici Metzeler di misura 100/70 “16 davanti e 130/70 “16 dietro, con un impianto frenante caratterizzato da un disco anteriore di 256 mm con pinza a doppio pistoncino, dietro il disco è sempre da 256 mm e ha una pinza a singolo pistoncino. Il tutto, è supervisionato dall’ABS a due canali. Insomma, le novità introdotte sull’SH350i sono di un certo peso… letteralmente. Perché rispetto ai 169 kg dell’SH300, il nuovo scooter di Honda pesa 5 kg in più: 174 kg con il pieno di benzina.

COME VA, PREGI E DIFETTI

Honda SH350i: la prova

IN AUTOSTRADA Il blocco motore del nuovo SH è lo stesso che troviamo sul rinnovato Forza 350, provato da Danilo qualche mese fa: cambia solo la mappatura della centralina. Ma se il Forza è ideale per trasferimenti fuori porta, l’SH350i è l’arma definitiva per affrontare il traffico più difficile e non sfigurare in tangenziale o autostrada. Sì, perché il ruote alte di Honda può superare facilmente i 130 km/h: una facilità dovuta all’eccellente stabilità dello scooter, soprattutto all’anteriore. La protezione aerodinamica offerta dallo scudo è inferiore a quella – ottima – dell’ampio parabrezza. Vibrazioni? Praticamente inesistenti grazie al nuovo contralbero.

Honda SH350i: la prova

IN CITTÀ Insomma, il nuovo motore spinge forte: se aprite il gas senza troppi indugi, brucerete la concorrenza al semaforo. L’erogazione è corposa, ricca di coppia ma anche piuttosto regolare e consistente fino a velocità autostradali. Peccato che sia un po’ difficile gestire fluidamente l’SH quando si apre e chiude il gas a basse velocità, magari nel classico slalom tra le auto dove il raggio di sterzo di 45° permette di divincolarsi tra spazi angusti. L’acceleratore ha un attacco un po’ aggressivo: niente di estremo, sia chiaro, ma bisogna impratichirsi un po’ prima di prendere la giusta confidenza col gas. Il piando di seduta è molto ampio e piuttosto comodo, ma per toccare bene coi piedi per terra io – che sono alto 180 cm – devo spostarmi all’estremità anteriore della sella. Buono invece lo spazio per le ginocchia, che non toccano mai lo scudo anteriore. La pedana, nonostante sia molto larga e piatta, non offre tantissimo spazio in lunghezza.

Honda SH350i: la prova

TRA LE CURVE L’SH, tra le curve, è piuttosto divertente. Prendetemi per pazzo, sì, pazzo per l’avantreno del 350. In nessun altro scooter di questo segmento ho mai trovato un avantreno che sapesse coniugare così sapientemente stabilità in ingresso curva e rapidità nei cambi di direzione. Sulle tortuose e strette strade sulle pendici del Vesuvio, l’SH350i schizza via come un furetto. L’accelerazione è molto buona, ma di ottimo livello lo è anche la frenata: modulabile, ma corposa quando si impegnano entrambe le leve. Farsi prendere la mano è molto facile, ciononostante non ho mai sentito l’intervento dell’ABS, del traction control ma soprattutto, non ho mai toccato in curva con il cavalletto grazie alla luce a terra migliorata.

DIFETTI Esistono dei difetti sull’Honda SH350i? Beh, a dirla tutta avrei due appunti da fare. Il primo è relativo al sottosella: se mettete il casco integrale, difficilmente c’è spazio per altro. Il secondo invece sono le sospensioni posteriori che, sebbene siano regolabili nel precarico, hanno una risposta secca su buche e pavè. Va detto però che anche i suoi rivali accusano questo problema. Molto buona invece la forcella anteriore, morbida ma non sfrenata quando si frena.

CONSUMI Infine, parliamo di consumi. Tra autostrada a 130 km/h, veloci scorribande tra le curve e tanto traffico cittadino, il computer di bordo ha registrato 23 km/l che, con il pieno di benzina, assicurano 207 km di autonomia. Difficile fare di peggio, ma… si può fare decisamente meglio!

PREZZI, OPTIONAL E COLORI

Honda SH350i: la prova

Il nuovo Honda SH350i è disponibile a un prezzo di 5.690 euro: di serie il bauletto da 35 litri e il parabrezza con i paramani. Tra li optional ideali per il commuting ci sono le manopole riscaldabili e la coperta coprigambe. Quattro le colorazioni disponibili: rosso opaco, grigio opaco, bianco lucido oppure nero.

HONDA SH350i: SCHEDA TECNICA

MOTORE

 

Tipo

4 tempi, monocilindrico, monoalbero (SOHC) a 4 valvole, raffreddato a liquido, EURO5

Cilindrata

330 cc

Alesaggio ´ corsa

77 x 70,7 mm

Rapporto di compressione

10,5 : 1

Potenza massima

29,4 CV (21,6 kW) @ 7.500 giri/min

Coppia massima

32 Nm @ 5.250 giri/min

Capacità totale olio

1,85 litri

ALIMENTAZIONE

 

Tipo

Iniezione elettronica Honda PGM-FI

Capacità serbatoio carburante

9,1 litri compresa riserva

Consumi

30 km/l (ciclo medio WMTC)*

IMPIANTO ELETTRICO

 

Avviamento

Elettrico

Capacità batteria

12V - 11,6 AH

Alternatore

240 W

TRASMISSIONE

 

Frizione

Automatica, centrifuga, a secco

Tipo cambio

Honda V-Matic

Trasmissione finale

A cinghia, V-belt

TELAIO

 

Tipo

Monotrave dorsale inferiore

CICLISTICA

 

Dimensioni (LxLxA)

2.160 x 742 x 1.161 mm

Interasse

1.452 mm

Inclinazione cannotto di sterzo

27°5'

Avancorsa

99 mm

Altezza sella

805 mm

Altezza da terra

131 mm

Peso con il pieno

174 kg

SOSPENSIONI

 

Anteriore

Forcella telescopica, steli da 35 mm

Posteriore

Forcellone in alluminio con doppi ammortizzatori regolabili nel precarico

RUOTE

 

Anteriore

In alluminio pressofuso a 6 razze sdoppiate

Posteriore

In alluminio pressofuso a 6 razze sdoppiate

Cerchio anteriore

16 x MT2.75

Cerchio posteriore

16 x MT3.50

Pneumatico anteriore

110/70-16 (52S)

Pneumatico posteriore

130/70-16 (61S)

FRENI

 

Tipo

Con ABS a due canali

Anteriore

Disco da 256 mm x 4,5 mm con pinza a doppio pistoncino

Posteriore

Disco idraulico da 256 mm x 5 mm con pinza a pistoncino singolo

STRUMENTAZIONE E LUCI

 

Strumentazione

LCD digitale (tachimetro, indicatore livello carburante, indicatore temperatura liquido di raffreddamento, orologio, contakm con due parziali, trip computer consumi, temperatura ambiente, voltmetro) spie di servizio, spia Smart Key, spia HSTC, spia ABS.

Luci anteriori

LED

Luci posteriori

LED

ABBIGLIAMENTO DELLA PROVA

  • CASCO Shark
  • GUANTI Rev’It!
  • GIACCA Rev’It!
  • PANTALONI Rev’It!
  • SCARPE Stylmartin

TAGS: scooter honda prova video Novità 2021 Honda SH350i Honda SH 350