Autore:
Matteo Larini

TRIS REA Che sia asciutto o bagnato, a Donington non cambia niente: a vincere è sempre lui, Jonathan Rea. Scattato dalla pole,  il nordirlandese è riuscito a conservare la testa della corsa con una ottima partenza al pari di Bautista, che si è portato in terza posizione scavalcando Haslam. Il campione in carica non è però riuscito a mettere in atto una gara da lepre, in quanto è stato costantemente incalzato da Toprak Razgatlioglu, autore di una domenica di assoluto rilievo. I due, come già visto a Misano, si sono infatti sorpassati a vicenda diverse volte: al terzo passaggio il pilota turco della Kawasaki ha sopravanzato Rea alla Melbourne Hairpin, per poi venire risuperato e riprovarci alcune tornate dopo.

REA SI INVOLA Nel corso dell’undicesimo giro, il campione Kawasaki è però riuscito ad avere la meglio sul turco a causa di un suo errore, e a mantenere la testa della gara fino alla bandiera a scacchi. Bel risultato anche per Bautista, giunto al traguardo terzo: in quest’ultima corsa lo spagnolo ha limitato i danni, anche se il weekend inglese è stato una sonora disfatta per lui. Anche la Yamaha, con Lowes e Baz, può dirsi soddisfatta, soprattutto grazie al sorpasso del pilota di Lincoln ai danni di Haslam che è valso alla casa dei tre diapason un interessante quarto posto. Rea lascia il Regno Unito da leader del campionato, con 24 punti di vantaggio su Bautista. Un risultato impensabile appena qualche gara fa.

SUPERPOLE RACE Anche nella Superpole Race, Rea ha dominato incontrastato, ottenendo la seconda vittoria del fine settimana, poi impreziosita dal successo anche in Gara-2. La vittoria mattutina è arrivata mentre Bautista aveva chiuso al quarto posto, ed è giunta dopo l'esposizione, a tre passaggi dal termine, della bandiera rossa per una perdita d'olio della BMW di Peter Hickman, che ha poi portato alla squalifica di Tom Sykes, caduto nel giro di rientro sulla chiazza d'olio e per questo rientrato ai box senza la moto. Immediata quindi l'esclusione dalla corsa: il secondo posto è passato così nelle mani di Toprak Razgatlioglu.

WSBK Donington, Gara-2: ordine d'arrivo e distacchi

Pos Pilota Moto Distacco
1 J.  REA Kawasaki ZX-10RR  
2  T.  RAZGATLIOGLU Kawasaki ZX-10RR 0.365
3  A. BAUTISTA Ducati Panigale V4 R 5.930
4  A. LOWES Yamaha YZF R1 6.334
5  L.  HASLAM Kawasaki ZX-10RR 6.833
6  L.  BAZ Yamaha YZF R1 7.441
7  T.  SYKES BMW S1000 RR 8.542
8  M. VAN DER MARK Yamaha YZF R1 14.850
9 C. DAVIES Ducati Panigale V4 R 18.124
10  M. MELANDRI Yamaha YZF R1 29.115
11  P.  HICKMAN BMW S1000 RR 34.620
12  M. RINALDI Ducati Panigale V4 R 34.824
13 S. CORTESE Yamaha YZF R1 51.627
14  L.  MERCADO Kawasaki ZX-10RR 52.879
15  A. DELBIANCO Honda CBR1000RR 54.821
16  R. KIYONARI Honda CBR1000RR 1'07.330
    Ritirati  
RIT  J.  TORRES Kawasaki ZX-10RR 22 Laps

WSBK Donington, Superpole Race: ordine d'arrivo

 

Pos No. Rider Bike Race Time
1  J.  REA Kawasaki ZX-10RR 11:10'22.084
2  T.  RAZGATLIOGLU Kawasaki ZX-10RR 11:10'23.258
3  L.  HASLAM Kawasaki ZX-10RR 11:10'23.750
4  A. BAUTISTA Ducati Panigale V4 R 11:10'24.373
5  L.  BAZ Yamaha YZF R1 11:10'24.868
6  A. LOWES Yamaha YZF R1 11:10'25.908
7 C. DAVIES Ducati Panigale V4 R 11:10'07.035
8  M. VAN DER MARK Yamaha YZF R1 11:10'07.337
9 J.  TORRES Kawasaki ZX-10RR 11:10'08.687
10  M. MELANDRI Yamaha YZF R1 11:10'09.565
11  M. RINALDI Ducati Panigale V4 R 11:10'16.715
    Ritirati  
RIT  T.  SYKES BMW S1000 RR 11:10'22.477
RIT  P.  HICKMAN BMW S1000 RR 11:10'09.626
RIT S. CORTESE Yamaha YZF R1 11:10'13.943
RIT  L.  MERCADO Kawasaki ZX-10RR 11:10'14.280
RIT  A. DELBIANCO Honda CBR1000RR 11:10'18.391
RIT  R. KIYONARI Honda CBR1000RR 11:10'21.607

 

 

 

 


TAGS: ducati kawasaki rea wsbk Donington Bautista WSBK 2019 Donington WSBK 2019 Superbike WSBK 2019